Archivi categoria: poesia dialettale

Tra ll’arbere ‘e cerase (Tra gli alberi di ciliegie)


Foto di 65luna Ma basta na jurnata ‘e sole che je so’ pazza C’’o cchiù bello surriso tra ll’arbere ‘e cerase Tu mme vase  mme accarézze sultante tu sulu tu Nu po’ mai nascere nisciune te puo’ assumiglia’ Guaglione nun  … Continua a leggere

Pubblicato in Click Interpretativo, poesia dialettale | 11 commenti

O’core (Il cuore)


O’ core t”imbroglià te fa sentì bbene quann nun ha ra ricere nientè ma quann vuolè parlàr nun c”è nientè ra fa’ nun o’ fermà nisciuno. E” nu’ lottatòr continuò ca’ nun te fa truà pacè fin quann nun o’ … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale | 4 commenti

Affacciati….


Affacciati a sta finestra bedda mia quanto taliu sta facciuzza tua di vasati mi vulissi sazziari ma tu a mia mancu mi vidi sutta a sti finestra moru d’ammuri e aspettu chi t’affacci pi taliariti l’uocchi ca su comu du … Continua a leggere

Pubblicato in fotografia, Iniziativa estiva 2015, poesia dialettale, post guidato | 15 commenti

Mammà ! (Mamma ! )


Mammà ! Cà parolà è ? Cà valorè ha ? Chi è ? Mammà è na’ parolà ca’ nun si può spiegàr è na’ femmena e valorè cà si deve tantu stimàr e chi puort chistu nomè deve sapè ca’ … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale | 5 commenti

Lu mé mari (Il mio mare)…


Lu mari di la mé casa taliu ca cu paroli duci mi parra e li pinzeri luntanu si porta, unni lu sguardu, cu l’azzurru dô celu, si perdi… L’unna m’annaca e a tia mi suonnu, çiatu di lu mé cori… … Continua a leggere

Pubblicato in Click Interpretativo, poesia dialettale | 4 commenti

Solitario


Esile funambolo  nel prato spazzato dal vento. Cresciuto per opera di mani esperte,  nido e protezione. Scomparirai nel tempo, fornirai vita alla vita. oddonemarina immagine G. Fattori

Pubblicato in poesia, poesia dialettale | 8 commenti

Haiku


Tuttu riluci nasciu lu Redenturi–  ‘nto munnu paci Trad. Magica luce il Redentore è nato- pace nel mondo © Rosemary3 medjugorjetuttiigiorni.blogspot.com

Pubblicato in Metrica Giapponese, Natale 2014, poesia dialettale, post guidato | 5 commenti

Katauta


Sutta a pergula matura e’ già a racina di vinnigna lu tiempu e’ Trad. Sotto la vite è già matura l’uva è tempo di vendemmia © Rosemary3 Immagine in rete rielaborata

Pubblicato in Metrica Giapponese, poesia dialettale | 13 commenti

‘O primm’ammore


Chiagn’je e pienzo a Te Si’ stato ‘o primm’ammore Je no, nun me ne scordo Era de maggio a’ prima vota Lu ciardino addurava de rose Cu’ st’uocchie doce Tu solo m’aggia guardate… Je già vulesse sentere ancora Che Tu … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale | 21 commenti

Lu bbeddhu tèmpu (La primavera)…


Çiauru di ggesiminu ‘nta l’ària stamatina! Rràpi lu bbarcuni e ni senti l’oduri… China di çiuri e’ ‘a ménnula e si ìnchi di suli e puisìa lu celu… Arrivau lu bbeddhu tèmpu: suspira ‘a picciuttedda ca d’amuri adduma: ‘na canzuna … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale, post guidato | 6 commenti

Comm na’ vota (come una volta)


Comm è bell a luna stasera me pare na’ sposa cu nu’ velo’ e rosa o’ mar a’guarda ‘ncantat annammurato cò core ‘ncatenat. E’ ddoce l’aria comme a voce e Margherìt à femmena mia vieni cà ! stamme vicin ammore … Continua a leggere

Pubblicato in Petalo del Passato, poesia dialettale | 3 commenti

Quantè maschèr aggio conosciùt (Quante maschere ho conosciuto)


Quant’ann sò passat tenevo diciott’anne aggio girato o’munno tanta gente aggio conosciùt che facce e che maschere n’a faccia j’anca n’ata era ‘ncantata chissà sta faccia ‘e corne che me vuò dì… Ognuno teneva o’significato suojo ma nu capev mi … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale, post guidato | 3 commenti

Pulcinella


Pulcinèll io song Simbòl universàl ra’ Napulinìtà e’ cui incàrn l’esuberànza o’ virtuosìsm mimicò e canorò, o’ spirìt ironicò, canaglièsc e generòs Pigrò, voracè, perennemènt affamatò,  opportunistà, sfrontatò, chiacchieronè, bastonatòr spessò bastonàt Pulcinèll io song (Jalesh) ” Pigro, vorace, perennemente … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale, post guidato | 4 commenti

Chiòvi (Piove)…


Chiòvi, làgrimi dû celu scìnninu… Chianci lu mé cori: a tia talìu ‘nmezzu sta nègghia ca cu carizzi aruci abbrazza. ‘N velu e’ sta nègghia c’ammùccia araciu araciu lu ventu d’amuri… Trad. Piove e lacrime dal cielo scendono… Piange il … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale, Soffio d'amore | 4 commenti

Il Natale del poeta


Natali di tutti li festi si la cchiù amata nasci lu Bamminu dintra lu cori di la bbona genti e lu pueta chi lu cori avi granni arrigala versi a ll’amici e nuatri chi cuntenti semu lu ringraziamu cu lu … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale, post guidato | 4 commenti

Ammore mio…


M’aggio lassato e nun mme pare overo ma nun ‘o ssaccio si mm”o stó’ sunnanno pure, te chiammo e nun rispunne l’aria , lo viento, lo mare mme parlano purzí… a chiagnere mme vène… l’ammore mio sempe pe’ me tu … Continua a leggere

Pubblicato in Petalo del Passato, poesia dialettale | 3 commenti

La vita è una ruota


Nonna quantu cunti mi cuntasti affatata t’ascutavu re e riggini principi e principissi quant’eranu beddi e mi paria tuttu veru ora ca nica un sugnu ccchiù lu tempu mi pari luntanu assai fineru li favuli e di principi mancu l’ummira … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale, post guidato | 4 commenti

Tu…


Tu sì comu l’unna dô mari ca veni e va, com’u ventu quannu fforti batti… Maravìgghia dâ mé vita ca tuttu ‘ncanti e ccu nenti, l’amuri sai fari cantari… Trad. Tu, la mia vita  in un’altalena di emozioni culli: sei … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale, Soffio d'amore | 5 commenti

A Voce Toja


A Voce Toja Tengo suonno assaje assaje Sento ‘a voce toja intra o’ core Levatitell’a’ncapa!!!! Chill’ mo’ va truvenn’ addò sta Tengo l’uocchje abbuffati Je t’aggio amato assaje assaje Senza ‘e te nun sò niente Je te sento comme o … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale, Soffio d'amore | 3 commenti

Tu…


Tu, ca cu lacrime (lacrimi) duci sunnari mi fai, quannu ‘a luna ‘nto cielu chinu di stelle (stiddi) appari… Tu, ca ccu nenti cantari lu cuore (cori) sa fari, quannu ô passato (passatu) pinzari mi fai… trad. Tu, che con … Continua a leggere

Pubblicato in dipinto, poesia dialettale, post guidato | 4 commenti

La Vucciria


Vuci c’abbanianu accatativi l’aranci e li limuna profumati. Nuci e mennuli, calia e simenza. Pisci friscu e ‘nsalatedda. Tuttu trovi a lu mercatu lu gelatu e li panelli Tutta la biddizza e li sapuri di sta Sicilia musicali. Tuttu t’affata … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale, post guidato | 4 commenti

Renga


E la mènnula china di bbeddhi çiuri ìnchi lu suli ‘A picciuttedda suspirannu d’amuri chiama lu zzitu Trad. Ritorna il sole nascondendo coi fiori il bel mandorlo La giovinetta accarezza l’amato insegue un sogno © Rosemary3 Immagine in rete

Pubblicato in Metrica Giapponese, poesia dialettale | 3 commenti

La filosofìa Come ch’an dis la siensa, i soma ëd bestie come j’àutre. Peui për rendne  superior a l’han butane ant ël sërvel tansipòch d’inteligensa ch’ arconòss ël brut dal bel, e ch’an serv ëdcò a pensé. Ma purtròp a … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale | 8 commenti

Continuo con i miei amici del “Laboratorio di scrittura” che scrivono poesie in piemontese, questa volta con traduzione:   Pampocèt                               Fiorellino Ti ‘m ciamave “PAMPOCÈT”                           Mi chiamavi “FIORELLINO” përchè i j’era tò amor,                                         perchè ero il tuo amore, ma a … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale | 7 commenti

Tornunu li runninieddi…


Çiauru finu di ggesiminu si senti oggi ‘nta l’ària: sarrà pirchì è primavera? China di çiuri e’ ‘a mènnula e ìnchi di suli l’arma… Turnati su’ i rrunninieddi purtannu ‘n suli ca ‘nto cori tràsi… ‘Na canzuna cantu ca l’arma … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale | 4 commenti