Archivio dell'autore: stefanobu

Informazioni su stefanobu

Non lo so che cosa vado a raccontare. So soltanto che ho qualcosa che mi andrebbe di esprimere, qualcosa che mi arde dentro e non mi abbandona mai. Questo qualcosa, forse, potrei chiamarla ispirazione di vivere, o soltanto inettitudine, o devianza attitudinale.

20 luglio 2013


A Francesco Budicin, nonno e maestro illustre. Nonno caro, tu non sai perchè la sera il nome tuo riecheggi antico, a casa come per strada, come un invito, acceso tra le stelle, e di notte albeggi il tuo sguardo a … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 6 commenti

Nuce per testi orientali


Sei nera e rossa auroradi rame, ramo di sabbia, tramadi limpidi fili di pruno.

Pubblicato in poesia | 7 commenti

Altro brano in anteprima


Tengo una dalia, sul palmo la rugiada, illividisce, di brina pare il palmo, tu non mi guardi, è brina.

Pubblicato in poesia | 4 commenti

Brano in anteprima


Scrivo commosso potendoti ammirare come un’aurora, come tale tu non sai, sei scritta in ogni notte.

Pubblicato in poesia | 5 commenti

Primato di nevralgia


Il senso del mondo ho perduto, quest’oggi in un urlo d’urgenza l’amara saggezza di un colpoalle ossa ho vissuto. Il giorno era incolore,un cielo dall’aria appannata, a casa, tu, madre, da scuola,d’estate quel senso d’afrore;Tu eri molto malata,“ho male, ho … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 9 commenti

Concessione ( Con buona pace del maestro Pound)


La vista alata dei comuni petrosi d’Apulia, Chiazze chiare contro un muso muto e buio.

Pubblicato in poesia | 8 commenti

Domenica irreale


Nera in una nube vieni tu, domenica d’aprile, accanto al retroscena del mattino. Passano le tue parti parole d’ago, dei pini, lento e tanto lento è l’andare del meriggio, ma diverso è l’alone che sgorga dai tetti,ricordo i capotasti amari … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 5 commenti

Haiku


Sentimentale è l’unica campana che mai non stona.

Pubblicato in poesia | 8 commenti

16 marzo


Eravamo in una polla, in un’alba di pioggia in primavera, erano le cinque, o le sei, o le quattro della sera, e tu, vera e bionda voce lontana, eri tiepida e serena. Sporta sulla sedia, mossa, un poco netta, oravi … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 12 commenti

Latebre di gioia


Ha le arie e le fattezze di una nube non muta, le grane che mi mordono per lei dolce sogno suolo sordo, sono spiri di nebbia, sono saluti lasciati a cantare, liberi, nel bosco, o altrove, intorno ad una burla … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 11 commenti

Non vi posso abbandonare


Non vi posso abbandonare, illazioni, rarefatte soluzioni di visioni e di orbi muri, evasioni pazienti previsioni, colori su strada, dilazioni sulfuree, eteree sempiterne ricette, considerazioni malfatte, poco chiare. Siete per me delle rose di prato. Stese le bocche protese affamate … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 10 commenti

Viluppo


Io so che qualcosa ha vibrato; qui dentro si sente tremare la terra, là fuori a rilento è la sera e le strade.

Pubblicato in poesia | 5 commenti

Questioni future, da riprodurre


Ancora m’assale e m’assilla la gota dolente d’un affetto universale. Vorrei, non vorrei, sono saturo di desideri germogliati alle radici, assenti sulle punte dischiuse contro il cielo coperto, il nubifragio di un ardore inespresso mi trafora le vene e le … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 4 commenti

Prima poesia


Questa è stata la prima poesia che ho scritto, risalente al novembre del 2008. Piuttosto acerba, ma molto sentita. Non avrei mai potuto pensare, a quei tempi, che ad essa ne sarebbero succedute tante altre, in un sempre crescente entusiasmo … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 9 commenti

L’errare del muto


Ma il dato è questo: essere chiamati per nome, reputati ed ammirati, indicati soltanto, tra le grida scoscese, per il volto che si tiene con sè, (lo si conserva amaramente) e che i fischi somiglino ai discorsi dei tifosi, tal … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 11 commenti

Apparizione di fiaba


Ella incede come un’elica spezzata, e si fonde nella nebbia chiaroscura. Travestita in un’arpeggio di frescura vaga lieve come un’onda sussurrata. Valica con lei l’anomalia del nome mio, storpio percorso di bosco e di neve, urla il suo viso il … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 9 commenti

Io non so se fiato sia, o come un grido


Io non so se fiato sia, o come un grido quel volteggio di capelli dolcemente spettinati, come da un cenno di vento sul capo. Un frangente   ho nominato apparizione, chiedendomi d’amare ha dato ai miei rami le foglie, ed … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 10 commenti

Orma nell’acciaio


Un timido piccolo buio per oggi, domani e la sera, un timido piccolo buio, ascolta le mie “andando la sera a cadere a dormire” nel buio. Un piccolo suono non nutre che deboli luci la sera, “ho tinto l’inchiostro col … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 6 commenti

Riverso a terra


Abbiamo perso anche questo crepuscolo dorato, meta mia, vanga un’altra fiaba di terra, via, su questa storta scure serra i tuoi palmi addolorati, amata mia; abbiamo perso anche questo campo, intossicato come un boschetto dalle chiome di ciminiera. Abbiamo perso … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, post guidato | 6 commenti

Per un cipiglio di fumo


Per un cipiglio di fumo mi pongo a contemplarti arido, come un oceano stufo dei suoi colori e malvestito. Ti guardo da dietro una fonte di luce, sorridendo e tremando, e forse questo eccesso m’è caro e maledetto, crudo e … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 5 commenti

Polvere di esplosi sentieri


Io mi sento pietra, mi sento neve; Io, bianco di neve nuda sui tetti passeggio nel vento e bevo alla fonte di un lago le lune. Io sono un lago e somiglio a una luna; Ride del mio canto un … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 5 commenti

Vigilia


FELICE NATALE A TUTTI VOI!!! Come dicevamo prese ad albeggiare. Pendule gelide le gole ai festoni cantavano alterne liriche a colori. Liete sulle cime nevi di una seta tanto cara al cuore ardevano accese, dall’ombra dei pini i viali brillavano. … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, post guidato | 5 commenti

Limpidezze


L’inverno. E’ nebbia sui viali e alle valli canta la notte. Lungo la città stanno lucide luci ad orchestrarla. Del mercatino un sorriso di sguardi rimembra il cuore. Dalla capanna di legno dolcissimi toni di luce. Un parco spoglio, ammucchia … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 9 commenti

Prosa lirica


Potrà mai l’ascolto ripetuto riattivare l’atmosfera perduta? E se così si manifestasse, quale tono assumerà l’emozione di chi si ritrovi immerso in quell’amara consolazione? La parafrasi lirico-narrativa di questa domanda è inscritta in questo testo minuto. Una prima parte descrittiva, … Continua a leggere

Pubblicato in pensiero | 6 commenti

Visione di mendici informi


Mille corpi in fila sparpagliati innanzi, orbati dalle colonne sbiancate dal sangue incatenato ai muri dalle pietre in cancrena, posati dal livore sul grigio, sui resti del bestiame, sui cespi di città calpestata dai rami dell’ingegno, stremati dal gelo dal … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 8 commenti