Abbazia di Santa Maria di Roccamadore (Messina)


L’Abbazia di Santa Maria di Roccamadore era un’abbazia cistercense situata a Tremestieri, frazione del comune di Messina in Sicilia.

Oggi è quello che rimane

Ma all’inizio era così

Informazioni su jalesh

Jalesh (Signore protettore dell'acqua) La vita nasce dall'acqua è l'acqua è vita. Tutte le culture nella storia del nostro pianeta hanno attribuito all'acqua il più elevato valore simbolico e le hanno riconosciuto il ruolo centrale nella vita umana. Vitruvio sostiene che senza l’energia proveniente dai quattro elementi (aria-fuoco-terra-acqua) nulla può crescere e vivere; per questo una divina mens ne ha reso facile la reperibilità. L’acqua, in particolare, “est maxime necessaria et ad vitam et ad delectationes et ad usum cotidianum”, senza trascurare il fatto, dice Vitruvio, che è gratuita. Così essa non è mai una sola cosa: è fiume e mare, è dolce e salata, è nemica ed amica, è confine e infinito, è “principio e fine” dice Eraclito
Questa voce è stata pubblicata in abbazie, Iniziativa estiva 2015. Contrassegna il permalink.

11 risposte a Abbazia di Santa Maria di Roccamadore (Messina)

  1. jalesh ha detto:

    Notizie prese dal web:
    L’Abbazia di Santa Maria di Roccamadore fu fondata nel 1193 per volontà del normanno Bartolomeo de Luci, conte di Paternò e di Butera, in località Tremestieri, vicino a Messina.
    Il conte volle intitolare il complesso a Santa Maria di Roccamadore in onore della chiesa francese di Roc-Amadour en Quercy, oggi nel dipartimento del Lot (regione del Midi-Pirenei), meta in epoca altomedievale di numerosi pellegrinaggi.
    L’abbazia venne affidata ai monaci cistercensi di Novara di Sicilia dell’abbazia di Santa Maria, di cui l’abbazia di Roccamadore era figlia nella linea dell’Abbazia di Clairvaux. Lo stesso Bartolomeo de Luci, anche signore di Monforte San Giorgio, donò al monastero diversi beni tra cui un mulino lungo il torrente Niceto, nel territorio del castello di Monforte[1].
    Nel 1861 l’abbazia passò alla congregazione di San Bernardo. Soppressa per decreto nel XIX secolo, l’abbazia Roccamadore doveva essere ormai completamente abbandonata quando venne distrutta dal terremoto del 1908 che colpì la Sicilia orientale.
    Dell’antico monastero, situato in contrada roccamotore nella frazione di Tremestieri, oggi in rovina, rimangono solo alcuni resti
    https://it.wikipedia.org/wiki/Abbazia_di_Santa_Maria_di_Roccamadore

  2. Rosemary3 ha detto:

    … un vero peccato: incredibile degrado ntaurale che non è stato sicuramente preso mai in considerazione… Ottima scelta…
    Ros

  3. orofiorentino ha detto:

    Quante cose splendide si sono perse nel tempo….bravissima🙂

  4. tinamannelli ha detto:

    Che peccato, quanta storia e bellezza viene lasciata all’incuria. Doveva essere bella, Notizie interessanti, complimenti

  5. Egizia72 ha detto:

    Bellissimo post cara Jane❤ grazie

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...