Castello di Carini


Carini piange
la bella baronessa
che muore per amore
Ma.Vi

Il Castello di Carini nasce su una antica costruzione araba, ad opera di Rodolfo Bobello
più come una fortezza che come residenza, passato di proprietà alla famiglia Abate, vennero apportate delle modifiche diventando così una residenza vera e di lusso. Fu teatro di una triste storia “il Caso della Signora di Carini” Laura Lanza a 14 anni viene data in sposa a Vincenzo La Grua di Talamacca, molto più grande di lei, come usava ai tempi. Laura conosce Ludovico Vernagallo e si innamorano. Il tradimento scoperto dal marito viene riferito al padre Cesare Lanza di Trabia che uccide la figlia e l’amante senza pietà. Pare che nell’anniversario dell morte sulla parete appaia la mano insanguinata di Laura.

Antico lavatoio nel Castello di Carini

La Cappella del Castello di Carini

L’impronta della mano di Laura, ma è solo una ricostruzione scenica per la sceneggiato TV che nel lontano 1975 tenne tutti col fiato sospeso per “L’amaro caso delle baronessa di Carini ” 

Il Castello di Carini (PA- Sicilia)

Ma.Vi

Immagine http://www.goticomania.it- spiritodelsilenzio.worpress.com-www.tripadvisor.it-http://wwwwelcometonocturnia.blogspot.it/2014/09/lamaro-caso-della-baronessa-di-carini.html

Questa voce è stata pubblicata in castelli, Iniziativa estiva 2015, Metrica Giapponese, pensiero, post guidato. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Castello di Carini

  1. tinamannelli ha detto:

    CENNI STORICI:
    Il castello di Carini è una fortezza medievale che si trova a Carini, in Sicilia.
    Fu eretto ad opera del primo feudatario normanno Rodolfo Bonello, guerriero al seguito del conte Ruggero I, su una precedente costruzione araba.

    Nel 1283 divenne di proprietà della famiglia Abate, che iniziò a trasformare la struttura difensiva destinandola ad uso residenziale. Schieratisi con i Chiaromonte nella disputa per il possesso della corona, gli Abate furono dichiarati “felloni” e privati di tutti i beni.
    Re Martino I, nuovo Re di Sicilia, nel 1397 affida la Terra di Carini al “milès panormitano” Ubertino La Grua per i servizi resigli.
    Ubertino non ebbe prole maschile e nel 1402, con privilegio del Re Martino che partecipa al contratto di matrimonio, fa sposare la sua unica figlia Ilaria con il catalano Gilberto Talamanca, dando così vita alla casata La Grua Talamanca che rimarrà in possesso della baronia di Carini fin al 1812. Con il barone Giovan Vincenzo La Grua Talamanca, dalla metà del XV secolo il Castello sarà oggetto di una serie continua di cantieri di restauro ed evoluzione architettonica che ne modificheranno l’uso, da caserma a “palazzo” per la residenza estiva.
    Per continuare a leggere: https://it.wikipedia.org/wiki/Castello_di_Carini

  2. orofiorentino ha detto:

    Una delle storie più belle e tristi di questa splendida Sicilia. Bellissima metrica e stupendo il castello….bravissima🙂

  3. Rosemary3 ha detto:

    Splendida metrica per ricordare quell’amara storia della baronessa di Carini…
    Ros

  4. jalesh ha detto:

    Una scelta straordinaria con una storia interessantissima di un luogo notissimo descritto brillantemente nel tuo pensiero. Bravissima

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...