Bosa, Castello di Serravalle….Sardegna


Ruderi
parlano di antichi fasti
glorie mai scordate
nella terra
Sarda

@ orofiorentino

foto web

Informazioni su orofiorentino

HO 65 ANNI, AMO LA POESIA, LEGGERE, SCRIVERE, VIAGGIARE E TANTE...TANTE ALTRE COSE
Questa voce è stata pubblicata in castelli, Iniziativa estiva 2015, Le Petit Onze. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Bosa, Castello di Serravalle….Sardegna

  1. orofiorentino ha detto:

    CENNI STORICI

    Le origini. Un’epigrafe fenicia (oggi perduta) databile al IX secolo a.C. documenta per la prima volta l’esistenza di un etnico collettivo “Bs’n”, riferito alla popolazione di questo luogo il cui toponimo, nelle forma appunto di Bosa, è riaffermato da Tolomeo e dall’Itinerarium Antonini. Nulla di certo si conosce dello stanziamento fenicio-punico, che dovrebbe essere localizzato vicino alla foce del Temo più di quanto non sia l’attuale centro. La città romana sorgeva con certezza più a monte del probabile centro fenicio. Il sito romano non dovette essere mai abbandonato, nonostante le incursioni arabe, se nel 1062 si pone mano alla costruzione della Cattedrale dedicata a S. Pietro. Secondo lo storico G. F. Fara (1543-91), nel 1112 i marchesi Malaspina costruiscono un munito castello in posizione strategica sulla sommità del colle Serravalle. E’ facile pensare che da questo momento abbia inizio un lentissimo processo di trapianto urbano dal vecchio al nuovo sito.
    Il dominio aragonese. All’inizio del XIV secolo la minaccia di un’invasione aragonese si faceva più concreta. Il Castello e il borgo sottostante non arrivarono tuttavia ad essere un solo centro urbano e mantennero ciascuno la propria individualità giuridica. Il primo venne più volte ampliato e rafforzato, a partire dal trecento, e Mariano d’Arborea ne fece la sua base operativa nella lotta contro gli Aragonesi, ma furono questi ultimi e i loro feudatari ad ampliare nel XIV secolo il circuito murario. Nel 1388 la città deve avere acquisito una qualche forma di autonomia comunale dato che nell’atto solenne di pacificazione fra Aragona e Arborea insieme al podestà di Bosa firmano nominativamente 101 persone e, a parte, sottoscrivono il castellano e il sindaco delle università comprese nel feudo controllato dal Castello, nonché un rappresentante della comunità del Castello di Serravalle.

  2. tinamannelli ha detto:

    Bellissimo il Petit Onze, bella e tragica la leggenda della Marchesa Malaspina, stavano proprio messe male le donne a quell’epoca…..Ottima scelta Complimenti

  3. Rosemary3 ha detto:

    Bellissimo petit onze che sicuramente del castello ne esalta la bellezza…
    Ros

  4. jalesh ha detto:

    Ottima scelta leggenda interessante bellissimo petit onze. bravissima

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...