L’abbazia di Santa Maria la Sanità del Casale


L’abbazia di Santa Maria la Sanità del Casale fu fondata da nobili normanni alla fine dell’XI secolo. La chiesa attuale risale invece all’inizio del XIII secolo ed è l’unico edificio rimasto del complesso abbaziale originario.

Annunci

Informazioni su jalesh

Jalesh (Signore protettore dell'acqua) La vita nasce dall'acqua è l'acqua è vita. Tutte le culture nella storia del nostro pianeta hanno attribuito all'acqua il più elevato valore simbolico e le hanno riconosciuto il ruolo centrale nella vita umana. Vitruvio sostiene che senza l’energia proveniente dai quattro elementi (aria-fuoco-terra-acqua) nulla può crescere e vivere; per questo una divina mens ne ha reso facile la reperibilità. L’acqua, in particolare, “est maxime necessaria et ad vitam et ad delectationes et ad usum cotidianum”, senza trascurare il fatto, dice Vitruvio, che è gratuita. Così essa non è mai una sola cosa: è fiume e mare, è dolce e salata, è nemica ed amica, è confine e infinito, è “principio e fine” dice Eraclito
Questa voce è stata pubblicata in abbazie, Iniziativa estiva 2015, pensiero. Contrassegna il permalink.

8 risposte a L’abbazia di Santa Maria la Sanità del Casale

  1. jalesh ha detto:

    Notizie prese dal web:
    L’abbazia Santa Maria La Sanità del Casale è un santuario diocesano dell’arcidiocesi di Matera-Irsina, ed è stato uno dei santuari del Giubileo 2000. Si trova nell’abitato di Pisticci e giuridicamente appartiene alla parrocchia di Cristo Re Pisticci. Fu presumibilmente costruita intorno al 1087 sui ruderi di un antico cenobio greco-bizantino da Rodolfo Maccabeo ed Emma d’Altavilla, sul monte Corno, allora fuori dal centro urbano di Pisticci. L’abbazia, dedicata alla beata Vergine Maria, fu affidata ai monaci benedettini di Taranto.
    Il complesso, formato dalla chiesa e dal chiostro con la certosa, è in stile romanico pugliese, costruito in pietra locale. Della costruzione originaria è rimasta integra solo la chiesa, attualmente sono invece in fase avanzata i lavori di ricostruzione del campanile, del chiostro e della certosa.
    L’interno della chiesa si presenta a tre navate terminanti con absidi semicircolari. Il tetto è ligneo a capriate, retto da archi ogivali su colonne squadrate. È presente l’arco santo centrale e nelle pareti si aprono monofore con archi a tutto sesto.
    Sulla facciata spicca la successione di archetti a tutto sesto sotto la cornice e particolarmente importanti sono il grande rosone e il portale.
    Il portale risale al 1200, ha forma ogivale con tre fasce scolpite con foglie d’acanto a spine. L’arco interno è sostenuto da due colonnine laterali con capitelli scolpiti con figure di aquilotti a sinistra e tigrotti a destra. Il grande rosone ha le stesse decorazioni del portale e immette luce nella chiesa insieme alle monofore sulle pareti laterali, munite di vetrate recenti raffiguranti dei Santi.
    La statua della Vergine è una scultura in legno del XII secolo e fu incoronata da papa Giovanni Paolo II il 27 aprile 1991 a Pisticci davanti ai lavoratori e ai fedeli Lucani. Oggi si stanno facendo lavori di recupero e di ricostruzione del complesso abbaziale. Da poco sono iniziati i lavori di recupero anche della piazza e della strada che conduce al santuario, il progetto è finanziato dall’Unione europea e dal Comune di Pisticci.
    https://it.wikipedia.org/wiki/Abbazia_Santa_Maria_La_Sanit%C3%A0_del_Casale

  2. orofiorentino ha detto:

    Resto sempre più incantata dalla bellezza della nostra storia, bravissima 🙂

  3. oddonemarina ha detto:

    Allora qualcosa si fa per restaurare…molto bella

  4. tinamannelli ha detto:

    Bella, molto anche, speriamo che venga restaurata, no si può lasciare andare in malora dei monumenti così belli e preziosi. Interessanti le notizie, ottima scelta. Complmenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...