Castello Aragonese o di mare Brindisi


Il castello è antistante il porto di Brindisi. Suggestiva è la vista dell’antica struttura arrivando in barca o in nave mentre si attraversa il canale d’ingresso al porto.

Annunci

Informazioni su jalesh

Jalesh (Signore protettore dell'acqua) La vita nasce dall'acqua è l'acqua è vita. Tutte le culture nella storia del nostro pianeta hanno attribuito all'acqua il più elevato valore simbolico e le hanno riconosciuto il ruolo centrale nella vita umana. Vitruvio sostiene che senza l’energia proveniente dai quattro elementi (aria-fuoco-terra-acqua) nulla può crescere e vivere; per questo una divina mens ne ha reso facile la reperibilità. L’acqua, in particolare, “est maxime necessaria et ad vitam et ad delectationes et ad usum cotidianum”, senza trascurare il fatto, dice Vitruvio, che è gratuita. Così essa non è mai una sola cosa: è fiume e mare, è dolce e salata, è nemica ed amica, è confine e infinito, è “principio e fine” dice Eraclito
Questa voce è stata pubblicata in castelli, Iniziativa estiva 2015, pensiero. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Castello Aragonese o di mare Brindisi

  1. jalesh ha detto:

    NOtizie prese dal web:
    In auto lo si può raggiungere dalla SS 379 Bari-Brindisi, all’uscita “Casale” e proseguendo in direzione mare. Il castello è nei pressi della diga di Punta Riso: l’ingresso è ancora controllato dalla Marina Militare, quindi non è ancora aperto alle visite.
    Il castello Aragonese, conosciuto anche come “Castello Rosso” per via del colore della pietra in carparo cavata nei pressi dell’isola stessa, inizialmente consisteva in una torre quadrata posizionata sulla punta esterna dell’isola. In quest’area inizialmente era inglobata l’antica chiesa di Sant’Andrea con annessa abbazia, successivamente distrutta.
    L’opera di ampliamento operata da Ferdinando I vide la costruzione sul lato mare di un bastione triangolare, e verso il lato che guarda il porto di una torre circolare. La differenza di queste forme trova spiegazione nel diverso ruolo che le strutture svolgevano: funzionale quella del bastione triangolare che per la sua forma spigolosa poteva sostenere l’impeto del mare e soprattutto sfuggiva ai colpi di artiglieria; la torre circolare, detta di San Filippo, poteva alloggiare in copertura le batterie di pezzi in modo da colpire in ogni direzione. Inoltre alla sua base erano collocate due cannoniere per il tiro radente sullo specchio d’acqua antistante il castello.
    L’intera costruzione assumeva così la forma di un triangolo isoscele. La realizzazione di altri due bastioni chiusero il canale originario, che generò una darsena (ancora esistente) che costituì l’unico accesso alla struttura fortificata. Questo ingresso veniva tenuto chiuso da una catena in ferro.
    L’isola comunque presentava un ampio spazio libero ed indifeso, facilmente utilizzabile dai nemici per un assedio. L’episodio del 1528, quando si verificò lo sbarco di uomini ed artiglierie veneziane su questa parte dell’isola, sbarco efficacemente respinto dai cannoni del castello, consigliò la costruzione di un forte che servisse come antemurale al Castello, e che fosse ad esso collegato con un ponte in muratura. I lavori iniziarono sotto il regno di Filippo d’Austria, nel XVI secolo, ed ebbero la durata di ben 46 anni. Qui intervennero alcuni dei più famosi architetti militari dell’epoca: tra loro anche Giulio Cesare Falco del S.O.M.
    Il forte non occupava l’intera superficie dell’isola, pertanto si pensò di isolarlo praticando un taglio nella roccia a nord, realizzando così il “canale vicereale”.
    La costruzione assume forma triangolare con quattro bastioni: Tramontana e San Pietro che guardano la città, Intavolata e Santa Maria nel lato opposto. Gli alloggiamenti dei soldati erano ubicati nei tre lati della struttura, all’interno del quale vi era la piazza d’armi. L’ingresso al forte avveniva dalla darsena attraversando la Porta Reale, su cui vi è uno stemma di Filippo II. Alla destra della porta sorgeva una chiesetta, mentre sulla sinistra vi era la sede del comando militare.
    Nel 1779 il castello venne attaccato dal vascello francese “Il Generoso”, che con le sue artiglierie smantellò una parte del forte e, nonostante la generosa resistenza, l’intera guarnigione cadde in mano ai francesi.
    I locali del forte sono stati abitati sino ai primi anni ’80 da personale militare e dalle loro famiglie. Ma l’assoluta mancanza di manutenzioni, e le forti mareggiate che hanno distrutto in parte il muro di collegamento tra il forte e il castello, hanno causato gravi danni all’antica costruzione. Dopo anni di abbandono e di incuria, l’intera struttura è passata dalla Marina Militare al Ministero dei Beni Culturali e agli Enti locali, quindi, dopo i lavori di restauro quasi del tutto completati, oggi si assiste a numerosi dibattiti e innumerevoli proposte su come utilizzare questo antico baluardo.
    http://www.mondimedievali.net/Castelli/Puglia/brindisi/brindisimare.htm

  2. tinamannelli ha detto:

    Bello. nelle città di mare si trovano quasi sempre vicino all’acqua vigilavano sulla sicurezza della città…Bellissimo davvero, interessanti le notizie…Complimenti

  3. Rosemary3 ha detto:

    Bellissimo pensiero e notizie interessanti…
    Ros

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...