Lungo lo scarto del giorno


scultura 008

Era quella sensazione, come una voglia di fragola, che a volte si rinnovava. Un tuffo in un istante di serenità ovattata che apparteneva al lontano passato.
Una sensazione tipica dell’infanzia, priva di assilli e melanconie.
Un istante di sospensione. C’era tutta la leggerezza di quegli anni ancora da compiere, l’assenza delle esperienze che lentamente satureranno l’esistenza. Un software ancora da scrivere. Anche il corpo rispondeva a quella leggerezza, rannicchiato in posizione fetale sul quel divano che assorbiva il pomeriggio. Il pensiero sfumava, si abbandonava a quella pausa ad occhi aperti. Non occorreva definire che cosa era stato il percorso di una vita, la sua qualità. C’era, e ciò bastava per immergersi in quella sensazione di piena leggerezza. Ruotavano le immagini come in un caleidoscopio di giorni.
Dai, passami la palla…
Giochiamo a figurine?
Facciamo una corsa in bicicletta?
Era una sensazione basata sul ricordo, priva dell’emozione. Scorreva, come i volti delle persone sedute in un tram che scorre davanti alla fermata, metafora del tempo.
E quel passeggero, quel ragazzo nello scorrere del tempo lentamente si faceva uomo.
Erano i passi che la vita imponeva necessariamente nel consumarsi delle esperienze e nella ripetizione dei giorni. Mancava l’ago della bussola, della finalità della vita, in quell’arrendersi ad una colorata e felice consunzione biologica degli anni, riempiendo la bisaccia dei giorni di interessi e azioni. Anche il camminare, nel percorrere i consueti spazi, rallentava il suo impeto sino ad acquietarsi. Restavano i sogni, alcuni uguali a quelli di ieri, altri deformati da un assurdo moto totale. Non c’era gesto nel giorno, né spazio della parola. Dissolta ogni abitudine, era un ripartire a riempire la lavagna di nuovi segni, tracciare nuovi percorsi nello stemperare delle ore. E lentamente la musica si acquietava, sino a che l’ultimo musicante, chiuso lo spartito, si allontanava con il suo strumento.
Il concerto dei giorni era terminato.

Novalesa, meridiana. Fotografia dell’autore

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in racconto. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Lungo lo scarto del giorno

  1. oddonemarina ha detto:

    intenso racconto di vita… bello Rinaldo 🙂

  2. jalesh ha detto:

    Un racconto splendido molto significativo e profondo accompagnato da uno scatto bellissimo della meridiana. Bravissimo

  3. Rosemary3 ha detto:

    Il passàto ha sempre la sua magìa… splendido racconto intessuto di metafore abilmente gestite…
    Ros

  4. tinamannelli ha detto:

    Leggerti oltre che un piacere è alleggerisce il cuore…stupendo racconto molto significativo, e complimenti per lo scatto. Bravissimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...