Abbazia di Monte Cassino


Di S. Benedetto è il tuo ordine,
quattro volte rasa al suolo ma
rinata come una fenice.
Le tue radici costruite
su un tempio di
eretica stirpe,
dedicato al dio
dai calzari alati.

oddonemarina

Abbazia di Monte Cassino (Frosinone)

Annunci

Informazioni su oddonemarina

Amo la poesia, amo il cielo e l'aria. Mi piace leggere. E amo le fotografie perché lasciano una traccia di vita che scorre.
Questa voce è stata pubblicata in abbazie, Iniziativa estiva 2015, poesia. Contrassegna il permalink.

10 risposte a Abbazia di Monte Cassino

  1. orofiorentino ha detto:

    La stupenda Abbazia di Montecassino, tanto martoriata ma sempre risorta. Bellissimo il tuo post…un abbraccio cara 🙂

  2. jalesh ha detto:

    Ottima scelta di una storica abbazia. Bellissimi i versi molto descrittivi con grande bravura. Complimenti
    Notizie prese dal web:
    L’arciabbazia di Montecassino è un monastero benedettino sito sulla sommità di Montecassino, nel Lazio. Dal dicembre 2014 il sito è in gestione al Polo Museale del Lazio
    Il Monastero venne costruito da S. Benedetto da Norcia verso l’anno 529 sulla collina di Montecassino dove vi erano i resti di una torre romana di Casinum ed un tempio dedicato ad Apollo, dove, in un sacro recinto gli abitanti del luogo facevano sacrifici pagani.
    Furono i Longobardi che distrussero l’abbazia nel 577, ma fu ancora grazie ad un Longobardo, Gisulfo II, duca di Benevento, che nel 744 venne ricostruito, arricchito di terre ed ampi privilegi.
    Nei secoli successivi con concessioni e donazioni effettuate da nobili, imperatori e persino da papi, il Monastero divenne proprietario di chiese, castelli, terreni e monasteri.
    Nella sua massima estensione, le proprietà andavano dall’entroterra di Cassino al Mar Tirreno attraverso la valle del Garigliano ed il fiume ed i suoi affluenti erano la via di collegamento tra l’Abbazia ed il mare.
    Per tutto il medioevo, l’abbazia fu un centro di cultura attraverso i suoi abati, le sue biblioteche, i suoi archivi, le scuole scrittorie e miniaturistiche, che trascrissero e conservarono molte opere dell’antichità.
    Pur essendo cinta di mura nell’883, i Saraceni assaltarono e saccheggiarono il Monastero, lo incendiarono uccidendo molti monaci.
    I superstiti lasciarono le terre che avevano bonificato e rese fertili secondo lo spirito della Regola Benedettina “Ora et Labora”, si rifugiarono prima a Teano e poi a Capua, per riprendere la vita monastica riprenderà a Montecassino solo dopo il 948 con il combattivo Abate Aligerno.
    Nei secoli successivi, grazie alla guida di grandi Abati, Montecassino ridiventò la gloriosa sede di cultura e di fede che era stata dalla sua creazione.
    Negli anni da 1066 al 1071 la Basilica del monastero venne ricostruita a cura dell’Abate Desiderio (il futuro Papa Vittore III); il monastero assoldò i migliori mosaicisti ed artisti e orafi bizantini per non perdere quel patrimonio di esperienza artistica che in Italia si era ormai persa.
    La vita dell’Abazia venne spesso coinvolta dalle dispute politiche e religiose, subendo le ire dei potenti come nel 1230 quando Federico II scacciò i monaci e trasformò l’abbazia in una fortezza, o quando nel 1799 venne saccheggiata dai francesi.
    I bombardamenti del 1944 distrussero quasi completamente il monumentale che si trovava tra i due eserciti, quando però erano già stati posti in salvo i più importanti cimeli bibliografici e l’archivio al completo.
    La ricostruzione degli edifici, fatta esattamente come quelli distrutti, si concluse il 24 ottobre 1964.

    http://www.settemuse.it/viaggi_italia_lazio/frosinone_montecassino.htm

  3. renato finotti ha detto:

    Un Tesoro Architettonico / Un Paradiso di Fede.

  4. tinamannelli ha detto:

    Hai detto bene come una Fenice è sempre rinata….stupenda abbazia bene interpretata con i tuoi versi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...