Lago dell’Accesa


Una leggenda racconta di te…Un borgo abitato da peccatori e bestemmiatori che, sempre nel giorno dedicato a Sant’Anna, disobbedirono non solo alla prescrizione di festa, ma proseguirono nelle loro azioni e parole peccaminose e inconsulte. Sempre la tradizione e le credenze popolari ritengono che il 26 luglio, avvicinandosi ai margini del lago si possono udire strepiti e clamori simili ad urla umane di dolore, insieme a rumori e trambusti simili a quelli di animali in fuga. Per questo si ritiene che la smisurata profondità del Lago dell’Accesa celi i resti di quel piccolo borgo e tutto ciò che di esso faceva parte.

Vista dall’alto

Annunci

Informazioni su orofiorentino

HO 66 ANNI, AMO LA POESIA, LEGGERE, SCRIVERE, VIAGGIARE E TANTE...TANTE ALTRE COSE
Questa voce è stata pubblicata in Iniziativa estiva 2015, laghi, pensiero. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Lago dell’Accesa

  1. orofiorentino ha detto:

    CENNI STORICI

    Il lago era già conosciuto in tempi molto remoti.

    Gli Etruschi si insediaronono già nel VI secolo a.C. nell’area del lago dell’Accesa, grazie alla presenza dei vicini giacimenti minerari di argento, piombo, materiali ferrosi ed oro, sebbene quest’ultimo in quantità piuttosto scarsa. Il distretto industriale etrusco si sviluppò sulla vicina area collinare: ancora oggi rimangono numerose tracce nel parco naturale, dove sono visibili anche alcune tombe e resti di edifici abitativi.

    L’attività industriale proseguì anche nei secoli successivi, sia in epoca romana che oltre, concludendo il proprio ciclo ultrabimillenario nel corso del Settecento. Nelle località di Forni dell’Accesa e di La Pesta, ubicate all’interno del parco[1], si sono conservati i resti degli altiforni che testimoniano la passata attività siderurgica, legata all’industria estrattiva.

    L’interruzione delle attività industriali coincise con l’inizio delle opere di bonifica settecentesche intraprese dai Lorena, che determinarono, tra l’altro, una notevole riduzione della superficie lacustre, a vantaggio di nuovi terreni ottenuti per le attività agricole, prevalentemente legate alla coltivazione del tabacco.

  2. jalesh ha detto:

    Una scelta di un lago antichissimo molto interessante, ed affascinante la leggenda che si racconta. Bravissima

  3. tinamannelli ha detto:

    Ottima scelta e interessante la storia….bravissima

  4. Rosemary3 ha detto:

    Ottima scelta sicuramente di un luogo incantevole, supportato da un pensiero esaustivo…
    Ros

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...