Rappresaglia


Siamo a Montegridolfo, esattamente cavalli battono con i loro zoccoli sull’acciottolato nella risalita del castello. Hanno molta fretta, un gruppo di cavalieri di Urbino stavano bruciando case nel borgo vicino. Dovevano fare rapporto al patriarca dei Malatesta, costui uomo di poche parole ma fatti, ordinò di riunire la cavalleria con appresso gli uomini del paese. Raggiunti gli odiati nemici li presero e li gettarono vivi sui roghi da loro appiccati. E la faida continuò ancora per secoli tra gli Urbinati e i Riminesi.

oddonemarina

Castello di Montegridolfo (Rimini)

Annunci

Informazioni su oddonemarina

Amo la poesia, amo il cielo e l'aria. Mi piace leggere. E amo le fotografie perché lasciano una traccia di vita che scorre.
Questa voce è stata pubblicata in Iniziativa estiva 2015, Mini racconto. Contrassegna il permalink.

9 risposte a Rappresaglia

  1. tinamannelli ha detto:

    Molto descrittivo, breve ma dice tutto il tuo racconto, ottima scelta di questo castello

  2. jalesh ha detto:

    Un bellissimo e descrittivo mini racconto su di un’ottima scelta di castello. Complimenti
    Notizie prese dal web:
    Montegridolfo è un comune italiano di 1.038 abitanti della provincia di Rimini, in Emilia-Romagna.
    Ubicato fra due valli, quella del Conca sul versante romagnolo e quella del Foglia sul versante marchigiano, Montegridolfo si trova sul crinale che divide le due regioni. Da sempre terra di confine, Montegridolfo conobbe nel corso dei secoli sia l’influenza del Ducato di Montefeltro che quello dei Malatesta, tanto che nel corso degli anni il cassero malatestiano fu oggetto di scontri e dispute militari. Ed è proprio per questa sua peculiarità difensiva che Montegridolfo fu progettato e costruito come “cassero”, ovvero un borgo con pianta rettangolare dotato di una torre posta a rinforzo del complesso murario. La storia più recente lo vede inserito nel contesto della storia d’Italia; da non dimenticare è il tracciato della Linea Gotica, la linea di difesa tedesca battezzata in origine da Hitler “Goten Linie” (“Linea dei Goti”), e che proprio in queste zone vide lo svolgersi di scontri cruenti fra i tedeschi e le truppe alleate, in quanto lo sfondamento delle truppe alleate nella pianura padana avrebbe reso la Germania prendibile in pochi mesi: fu proprio durante l’attacco delle forze alleate a Montegridolfo che il tenente Gerard Ross Norton si guadagnò la Victoria Cross, massima onorificenza militare britannica.
    Negli ultimi anni il borgo è stato oggetto di un ampio restauro che, mantenendo intatta l’architettura, ha fortemente rivalutato ed abbellito Montegridolfo.

    https://it.wikipedia.org/wiki/Montegridolfo

  3. orofiorentino ha detto:

    Che personcine a modo !!! Che tempi, a parte che anche ora mica scherzano in certe zone. Brava

  4. Rosemary3 ha detto:

    Un mini racconto decisamente ben strutturato per questo bel castello…
    Ros

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...