Appunti di viaggio di Luigi


Cari amici, condivido con voi un post di Luigi Zamproni, un autore insieme al quale ho partecipato ad alcuni eventi artistici e  che ospito spesso su Filintrecciati,  in quanto non ha un  suo blog personale.

Sono appunti di un suo viaggio molto significativo in Normandia, che alterna foto, racconto, poesia. Spero di farvi un dono gradito nel pubblicalo anche qua su La Nostra Commedia.

IN MOVIMENTO

 

La strada è bella, immersa nel verde della campagna, piccoli villaggi, case sparse tra il verde intenso dei campi dove placide mucche pascolano indifferenti, ci accompagna un po’ di pioggia, a tratti acquazzone, che subito dopo lascia spazio a sprazzi di sole con un cielo azzurro e pulito ma questa è la Normandia, il tempo cambia velocemente come i suoi paesaggi. Raggiungiamo Formigny, un villaggio a pochi chilometri dalla spiaggia e in un piccolo bar la colazione è baguette con burro e marmellata e un café au lait che è quello che di più si avvicina al nostro cappuccino, perché qui, se chiedi un “cappuccino” ti servono tutt’altro; naturalmente pane burro e marmellata sono strepitosi…

Normandia1 (1)

 

 

LE SPIAGGE DELLO SBARCO

 

Dopo qualche chilometro ecco la spiaggia: “Omaha Beach”. Lunga fino all’orizzonte si rompe su una falesia bianca nel sole, una striscia di sabbia che sembra sottile -ma forse è l’effetto dell’alta marea- per essere stata il luogo di uno sbarco così imponente. Si staglia sul mare il monumento a ricordo di quell’evento.

 

 Normandia2

ruggisce il mare –

sulla spiaggia deserta

echi di grida

 

Ferro piantato nella sabbia, un monumento alla memoria, braccia tese verso il cielo, anime che s’innalzano tra dolore e paura, speriamo abbiano trovato la pace.

ferro contorto –

tra le forti onde ad Omaha

solo un ricordo

 

Dopo la spiaggia è la volta del cimitero americano di Colleville-sur-mer. Le “croci bianche”, “troppe”, “cinematografiche”, sotto agli occhi sono impressionanti, il cimitero degrada verso Omaha Beach, dove tanti dei soldati qui sepolti sono morti. Nonostante i molti visitatori aleggia un senso di pace e tra le croci ci si sente comunque soli, capita di fermarsi davanti ad alcune e leggendo il nome scolpito nel marmo, di pensare a chi fosse quel soldato, alla sua giovane vita interrotta così tragicamente, ci si commuove, soprattutto davanti a quelle di soldati sconosciuti, l’epitaffio cita più o meno così:

 

qui giace in onorata gloria un compagno in arme, sconosciuto, ma non a Dio.

 

Normandia3

 

sotto ai cipressi

troppe le bianche croci –

una preghiera

 

Dopo 70 anni il mondo è ancora pieno di guerre, l’odio e l’incomprensione non muoiono mai, e l’ultimo ku(verso) potrebbe essere sostituito con

 

“inutilmente”.

 

*****

Foto e testo di Luigi Zamproni

Informazioni su flaviafra

Non sono ma siamo, al plurale... Flavia e Francesca, una donna e una ragazza, mamma e figlia. Oltre ad essere legate da un immenso affetto, siamo accomunate dallo stesso amore per la lettura e la scrittura, e da qui nel 2010 è nato Filintrecciati. I primi post apparvero su Splinder e sono ora archiviati su http://filintrecciati.iobloggo.com/ Dalla fine del 2011 siamo qua su Wordpress e ospitiamo spesso anche un amico, Luigi, che ha scoperto proprio con noi la poesia giapponese e vi si è appassionato. Benvenuto a chiunque passi di qui. Buona lettura!
Questa voce è stata pubblicata in fotografia, poesia. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Appunti di viaggio di Luigi

  1. jalesh ha detto:

    Eccellente reportage accompagnato da splendide foto e stupendi versi…complimenti Luigi

  2. tachimio ha detto:

    Bè una bella coincidenza…Anch’io ho fatto un post sul nostro viaggio in Normandia e allora se vi facesse piacere dare un’occhiata, vi lascio il link:
    http//isabellascotti.wordpress.com//2014/06/10/appunti-di-viaggio//
    Complimenti a Luigi. Isa

  3. tachimio ha detto:

    …bella. Scusate, inavvertitamente ho premuto invio senza aver terminato il nome. Grazie

  4. tinamannelli ha detto:

    Bellissimo post complimenti all’autore e grazie a te Flavia per avercelo proposto 🙂

  5. lulasognatrice ha detto:

    Bellissimo “diario” di viaggio, accompagnato da scatti meravigliosi e bellissimi versi, complimenti

  6. Rosemary3 ha detto:

    Grazie, Flavia, per aver condiviso un così suggestivo “reportage”, supportato da stupendi versi…
    Ros

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.