Lontana alba


razzismo-nei-bambini

(foto web)

#

Quanto è lontana l’alba,

il tempo perde la sua identità

in gocce di realtà

costretta a convivere

nell’angolo delle spine.

*

Intorno al rudere

il fumo si fa nebbia

acceca l’istinto

ci regala confusione.

*

Parlano, parla

masticando quello che gli sembra

amore

dell’oddio, l’indifferenza

e una presunta libertà.

*

Quando mi guarda

mi sorride con l’altra faccia.

E mi chiede:

di che partito sei?

*

Semplicemente tifo

la fede che ha il sapore

della coscienza umana.

© Omar Arcobaleno

Questa voce è stata pubblicata in poesia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Lontana alba

  1. jalesh ha detto:

    Dei versi splendidi riproposti meravigliosamente

  2. lulasognatrice ha detto:

    Versi bellissimi, complimenti

  3. Lia ha detto:

    Bellissima complimenti Omar

  4. orofiorentino ha detto:

    Bellissimi e profondi versi che si rileggono molto volentieri. Bravissimo

  5. Tiferett ha detto:

    Sempre molto bravo

  6. Rosemary3 ha detto:

    Sono sicuramente versi stupendi che ho riletto con piacere…
    Ros

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.