Inquiétude


La peur m’envahit le coeur bat la chamade
J’ai le cafard j’en ai marre de cette vie
Le temps s’écoule la vie s’enfuit sans cesse
La jeunesse meurt de temps perdu sans rêves

(Jalesh)

Inquietudine

La paura mi travolge il cuore batte all’impazzata
Sono triste non ne posso più di questa vita
Il tempo scorre la vita sfugge senza tregua
La gioventù muore per il tempo perso senza sogni

(Jalesh)

Informazioni su jalesh

Jalesh (Signore protettore dell'acqua) La vita nasce dall'acqua è l'acqua è vita. Tutte le culture nella storia del nostro pianeta hanno attribuito all'acqua il più elevato valore simbolico e le hanno riconosciuto il ruolo centrale nella vita umana. Vitruvio sostiene che senza l’energia proveniente dai quattro elementi (aria-fuoco-terra-acqua) nulla può crescere e vivere; per questo una divina mens ne ha reso facile la reperibilità. L’acqua, in particolare, “est maxime necessaria et ad vitam et ad delectationes et ad usum cotidianum”, senza trascurare il fatto, dice Vitruvio, che è gratuita. Così essa non è mai una sola cosa: è fiume e mare, è dolce e salata, è nemica ed amica, è confine e infinito, è “principio e fine” dice Eraclito
Questa voce è stata pubblicata in in lingua straniera, poesia. Contrassegna il permalink.

24 risposte a Inquiétude

  1. ospiteincallita ha detto:

    Molto bella Jalesh…
    Dolce notte
    Simo

  2. oddonemarina ha detto:

    Triste nella sua interiorità … scrivere aiuta un bisous

  3. Tiferett ha detto:

    Bellissima nella sua tristezza

  4. mondidascoprire ha detto:

    Non devi pensarla cosí , i sogni più profondi , quelli veri, quelli dell’amore a te, drlla felicità , dell’eternità, verità , della giustizia e libertà sono destinati a compiersi e ciò che viviamo di bello ora è una caparra. Allora puoi tenere alti i tuoi sogni! Un abbraccio

  5. kalosf ha detto:

    Già mi piace il modo in cui scrivi normalmente… Ma il francese….

  6. orofiorentino ha detto:

    Versi stupendi, forti ma così intensi che toccano profondamente. Ti abbraccio forte forte

  7. Rinaldo Ambrosia ha detto:

    Jalesh non sei sola in questa corsa densa di dolori e affanni , ma è pur sempre vita… (su, su, su…)
    Un sorriso e un abbraccio. 🙂
    rinaldo

  8. belindaraffaeli ha detto:

    eccelent Jalesh, j’adore ton choix des mots. :-*

  9. Rosemary3 ha detto:

    C’est la vie, mon amie! È la vita in questo suo altalenar di emozioni, positive e negative, che val sempre e comunque la pena di viverla! Sursum corda!
    Stupendi versi in entrambe le versioni!
    Ros

  10. tinamannelli ha detto:

    Stupenda in tutte e due le versioni. Molta tristezza…anche se ci sono tante cose che vanno male qualcosa di buono ci arriva sempre…sono versi che si adattano molto ai giovani d’oggi che, coi
    tempi che corrono, non hanno più sogni da realizzare e vedono fuggire la gioventù…Molto bella. molto intensa …bravissima cara

  11. chiaramarinoni ha detto:

    Come hai ragione anch’io mi trovo in questa inquietudine e soffro. Lo scrivere mi aiuta. Buona settimana
    Un abbraccio
    Chiara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.