Uffa che noia


Uffa che noia, non fai altro che ripetere sempre le stesse cose. Sei come il tarlo che rosicchia la mia vecchia poltrona. Dovrò decidermi o la butto oppure uccido il dispettoso animaletto. Ci penserò…intanto ti sei accesa l’ennesima sigaretta, il fumo mi fa bruciare gli occhi  ed è così acre che mi prende alla gola. Comincio a tossire. Accidenti a te e al quel maledetto viziaccio….apro la finestra, respiro a pieni polmoni, aria fresca della sera.

Ma.Vi

Immagine http://www.radiosubasio.it

Questa voce è stata pubblicata in post guidato, racconto. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Uffa che noia

  1. jalesh ha detto:

    Simpatico ed originale racconto con buinissimo inserimento delle 5 parole proposte

  2. orofiorentino ha detto:

    Brava Tina, bravissima

  3. 65luna ha detto:

    Simpatico! 65Luna

  4. Rosemary3 ha detto:

    Simpaticissimo racconto con le parole guida ben inserite…
    Ros

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.