Il mio mare


Solo della sera è questo dolore
coi vasi poggiati sul tavolo a tre piedi
Stasera è aria di tempesta
le carte giù in strada fanno a botte coi muri
sperticati aperti con tante vite dentro
che ormai non raccontano niente
E poi a destra il mare dello Ionio ha braccia stese
verso la piazza già fredda dei giorni di marzo
Sembra che voglia acciuffarla
sacrificarla alla sua rabbia
ma chi la salverà?
Qualcuno allunga il passo tra il fogliame
che ruota in tondo
E’ un gioco di urla e colori
di nuvole gravide e luci in mezzo al cielo
Cade la pioggia
sembra felice
ha l’aria di chi vuol venire al mondo
Si poggia sul naso
non ha vergogna
quando alla sera la mia tempesta è grande
con le tende che mi abbracciano forte
E oltre la notte chi mi Salverà?

Questa voce è stata pubblicata in poesia. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Il mio mare

  1. 65luna ha detto:

    Complimenti, bellissima chiusa. Sorriso,65Luna

  2. jalesh ha detto:

    Stupenda dedica la tuo mare….un pò in tempesta…versi molto belli introspettivi….

  3. Rosemary3 ha detto:

    Un interrogativo che spero possa trovare risposta in te stesso… Splendidi versi
    Ros

  4. silviacavalieri ha detto:

    Intensa! Bufera dell anima nella bufera di cielo e mare…

  5. poetanelcuore78 ha detto:

    grazie mille 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.