Tramonti.


Tramonti.

Mi conducesti per mano
verso l’oscuro precipizio
delle tue labbra.
Vacillai per una scheggia
di quel tempo infinito
che era prima del nostro amore
e che ci avrà dimenticati,
illudendo altre sterminate legioni
di anime amanti, infine.
E caddi nella luce accecante
del battito delle tue ciglia,
sfuocando l’impossibile
nel suo incantevole velo.
Caddi, come tremante e impaziente
di trafiggersi,
ogni tramonto cade.

 

Questa voce è stata pubblicata in amore, poesia. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Tramonti.

  1. oddonemarina ha detto:

    bellissima complimenti

  2. jalesh ha detto:

    Splendidi versi con un’eccellente metafora…..bisous

  3. orofiorentino ha detto:

    Splendida….una vera meraviglia

  4. jeiemerwin ha detto:

    Complimenti!

  5. 65luna ha detto:

    Inchino! 65Luna

  6. Rosemary3 ha detto:

    Hai dipinto un tramonto, giocando abilmente con stupende metafore!
    Ros

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.