Sposare un morto…in Francia si può


La legge francese che consente di sposare un morto
L’autorizzazione riservata al solo presidente della Repubblica
Codice civile francese articolo 171

Lo scorso 10 febbraio una poliziotta francese ha potuto sposare con rito civile il fidanzato, anch’egli, poliziotto, ucciso quasi due anni fa da un pirata della strada. Ciò è stato possibile grazie a una modifica del Codice civile francese contenuta nell’articolo 171, modifica voluta nel 1959 dal presidente della Repubblica dell’epoca Charles De Gaulle. De Gaulle aveva voluto la legge, approvata in pochi giorni nel dicembre del 1959, su richiesta di una giovane donna il cui fidanzato era stato ucciso da un’alluvione. Il matrimonio resta puramente ideale: la sposa non ha diritto all’eventuale eredità del morto, solo il diritto a portarne il cognome ed esserne considerata la vedova. In poco più di 40 anni, non più di un centinaio di persone in Francia ha chiesto di usufruire della legge, che richiede un iter molto complesso. Il potere di concedere il matrimonio è esclusivamente del presidente della Repubblica.

CODE CIVIL
Article 171
(Loi du 17 mars 1803 promulguée le 27 mars 1803))
(Loi du 29 novembre 1901))
(Loi du 20 novembre 1919))
(Loi du 10 mars 1938))
(Loi nº 59-1583 du 31 décembre 1959 art. 23 Journal Officiel du 8 janvier 1960)

Questo è valido anche in alcune zone della Turchia e della Romania.

Che dire?  Decisamente bizzarro.

Orofiorentino

Informazioni su orofiorentino

HO 69 ANNI, AMO LA POESIA, LEGGERE, SCRIVERE, VIAGGIARE E TANTE...TANTE ALTRE COSE
Questa voce è stata pubblicata in curiosità. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Sposare un morto…in Francia si può

  1. tinamannelli ha detto:

    Bizzarro davvero….non conoscevo questo possibilità ,,,interessante curiosità

  2. jeiemerwin ha detto:

    Mi ricorda un rito in uso presso le antiche comunità turco-mongole: il matrimonio post mortem. Se due giovani dovevano sposarsi e morivano prima del matrimonio, venivano ugualmente sposati: il rito serviva ad indennizzare i giovani di qualcosa di cui erano stati privati e, secondo la credenza, tutelava i vivi dai morti che, se insoddisfatti, sarebbero potuti tornare a reclamare ciò che non avevano avuto in vita.

  3. jalesh ha detto:

    Che bizzaria….non ne avevo idea…interessante curiosità

  4. Rosemary3 ha detto:

    Proprio una “bizzarrìa”, questa…
    Ros

  5. Tiferett ha detto:

    “Non si può più star tranquilli neanche dopo morti…”
    Parola dell’incallito single che non desiderava sposarsi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.