Amore abissale…


Sì, è vero: l’unico modo per aggirare l’abisso è starci dentro.
Non è la prima volta che lo penso: sono mesi che ci ragiono… Solo toccando il fondo e restandoci per un po’, riesci poi a risalire…
Eri un sogno… il mio sogno proibito, l’impossibile chimera da raggiungere a tutti i costi.
Mi sentivo un vasaio che crea le sue tazze d’argilla, credendo d’avere avanti a sé meravigliosi calici di cristallo… poi  una mano che stringe troppo forte e l’argilla crolla in mille pezzi, mostrandosi per quello che realmente è: solo argilla…
Era bello stare con te, sperare in un futuro (vicino o lontano che fosse), anche vivere solo di briciole e di ricordi… era bello sì, ma non sapevo di avere già toccato il fondo, di essere stata risucchiata dagli abissi di questo amore impossibile…
Ed è strano, come anche l’abisso a un certo punto possa mostrarsi ai tuoi occhi come qualcosa di meraviglioso, seppur lacerante. Lo sai, sei consapevole che dovresti uscirne, ma non vuoi, perché sai anche che uscire, risalire dal precipizio sarebbe perdere… E tu non lo vuoi…
Camminavo, camminavo… o meglio: credevo di camminare. Finivo sempre più in queste sabbie mobili, finché non ho toccato il fondo. Poi mi sono detta che per capire, per risalire non avevo altra via d’uscita che esplorare a fondo l’abisso in cui ero precipitata. Perché solo conoscendone tutti i luoghi, solo guadandone tutti i gorghi e tutte le gole, avrei potuto vincerlo: forse è questa la chiave di tutto… Mi vedevo persa, quand’ecco che dall’alto ho visto farsi spazio una debole luce, in tutto quel buio: la luce della speranza, che mi veniva in soccorso, quasi come una mano da afferrare con tutte le forze. Magari è finito il tempo della meditazione, magari è giunto quello di risalire, finalmente… risalire dagli abissi di questo impossibile amore… A questo è servito guardare il tuo fondo: ora so come combattere, per sfuggirti e dimenticarti…

Jeiem Erwin.

“L’unico modo di sfuggire all’abisso è di guardarlo e misurarlo e sondarlo e discendervi.” (Cesare Pavese)

abissi2

Immagine dal web

Questa voce è stata pubblicata in Mini racconto, post guidato. Contrassegna il permalink.

16 risposte a Amore abissale…

  1. orofiorentino ha detto:

    Quanta verità in questo tuo racconto. Prima o poi ci siamo passati tutti, anche chi non lo vuole ammettere. Poi, finalmente e con grandissima fatica si riemerge.
    Bravissima, un bacione

  2. Rosemary3 ha detto:

    Una pagina sicuramente toccante che coinvolge, perchè sinceramente credo che un po’ tutti siamo stati al fondo di un abisso, per poi fortunatamente riemergere…
    Ros

  3. Tiferett ha detto:

    Spaccato di vita pieno di emozione, toccante.
    Complimenti

  4. tinamannelli ha detto:

    Bello e sofferto questo tuo racconto…l’importante è riuscire a risalire….ben scritto, molto piaciuto…brava

  5. 65luna ha detto:

    Racconto che dona emozioni reali…Brava!65Luna

  6. Lia ha detto:

    DAvvero emozionante e reale bravissima !!

  7. oddonemarina ha detto:

    Bravissima… hai descritto il tema in un racconto splendido e toccante 🙂

  8. jalesh ha detto:

    Splendida interpretazione del tema…credo che sia l’unica via per vincere il baratro…complimenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.