La mia vacanza, ore 16


Palma di Maiorca 015

Seduto osservo lo spazio. Raddrizzo le lenti e guardo il panorama attorno a me e lo scorrere del tempo. C’è in questo momento un istante di massima sospensione, una pausa nell’esistenza. Lasciare che il mondo scorra… la dimensione della vacanza è tutta lì, attorcigliata a quei raggi di sole che abbattono l’ombra. Piccole pause di luce a piedi giunti nelle tenebre.
C’è un immenso spazio di fronte a me che è il mare. L’odore del mare satura il naso. Dalla terrazza, seduto a un tavolino lo sento muoversi, infrangersi a riva, vedo la schiuma e il biancore dell’onda. Gli schizzi esplodono contro un gruppo di scogli, materia nella materia, il colore blu cede la sua immagine, si stempera nel bianco. Strizzo gli occhi, aumento la vista, all’orizzonte cielo e mare si congiungono come due amanti su un lenzuolo teso. Sento il rumore forte dell’onda. Cullo lo sguardo in quell’immensità di vita. Il mare si muove assecondando il suo respiro. I brusii delle persone sedute attorno ai tavoli si perdono, soffocati da questo ritmo antico. Il sole folgora lo spazio, è una luce che satura cielo, terra e mare.
All’orizzonte una vela, un punto di bianco che si muove in una tavolozza d’azzurro.
Anche l’aria partecipa a questo evento, un antico rito, l’odore di salso satura le narici, piccole particelle di sale si depositano sulla pelle. L’istante arresta il tempo, il ritmo dell’onda. Sulla spiaggia, una barca da pesca con un remo appoggiato ad una rete, sono i protagonisti muti di questa realtà, di questo spazio che penetra la mente e confonde lo sguardo. C’è una grande bellezza in questo momento, un fermo immagine della memoria. Vorrei avere la leggerezza di un gabbiano per poter volare su questo spazio aperto, abbandonare la sabbia della riva e vagare in questo blu che attornia, fagocita e confonde, che fa perdere i confini e i punti cardinali.
Perdermi per sempre in questa immensità di dolcezza.

Fotografia dell’autore

 

Questa voce è stata pubblicata in post guidato, racconto. Contrassegna il permalink.

6 risposte a La mia vacanza, ore 16

  1. jalesh ha detto:

    Splendida descrizione davanti al mare con un ottimo inserimento delle 5 parole guidate bellissimo lo scatto. Complimenti

  2. Laura ha detto:

    Bellissima!!!!

  3. 65luna ha detto:

    Bravo, bella anche la foto abbinata! Sorrisi,65Luna

  4. orofiorentino ha detto:

    Un’ottima interpretazione con le parole guidate….Bravissimo Rinaldo, sempre al Top 🙂

  5. tinamannelli ha detto:

    Cinque parole guidate e una descrizione stupenda mi sembrava essere li…bravissimo

  6. Rosemary3 ha detto:

    Sei riuscito a consegnare un prodotto eccellente, Rinaldo! Le parole guidate ben amalgamate al testo, conferiscono al brano, peraltro ottimamente costruito, un senso di pace, scaturito anche dal meravigloso scatto personale…
    Ros

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.