Maggese.


Maggese.

In questo vivere breve,
distratto e sciatto,
tra le emozioni in saldo
e l’alibi della fretta,
scelgo il silenzio e la fatica,
smuovendo a lungo,
nelle ore vespertine,
le zolle dure
del mio cuore verde
per non farlo invecchiare
senza promesse
di nuovi frutti
e di profumi sconosciuti.
Affido con pazienza
ai suoi spazi a maggese
la scommessa
d’un più intenso sentire
e quei più veri sussulti
che se ne ridono
del tempo che passa
e che non smettono
di sbocciare parole.

Questa voce è stata pubblicata in poesia. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Maggese.

  1. jalesh ha detto:

    Bentornata Paola felice di rileggerti….stupendi versi che descrivono un momento della vita un pò in declino…..ma cmq è una fase che dobbiamo affrontare con serenità…e meno male che siamo qui ad affrontarla….e meno male che sgorgano ancora le parole….bellissima straordinaria la chiusa

    P.S. se ti aggrada il tema settimanale sulla fotografia mi piacerebbe ammirare alcuni dei tuoi splendidi scatti…bisous

  2. oddonemarina ha detto:

    non ti conosco ma i tuoi versi sono bellissimi complimenti Marina

  3. Rosemary3 ha detto:

    Contenta, cara Paola, di rileggerti! Il tuo brano, con metafore ben congegnate, ha delineato il cammino, sia pur breve, di un’esistenza che, nonostante “in declino” continua a… “sbocciar parole”… Splendida chiusa
    Ros

  4. tinamannelli ha detto:

    Che bello rileggerti…mancavi da un po’, bellissimi questi tuoi versi, una chiusa molto bella…bravissima

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.