Indovina chi viene a cena…


Era in fibrillazione, avrebbe voluto essere mille miglia lontana, invece c’era dentro fino al collo… La casa brillava, aveva fatto correre la povera Teresa ma anche lei aveva dato una mano. In cucina era quasi tutto pronto, lei era molto brava e lo sapevano tutti, ma questa volta doveva superarsi, non poteva sbagliarsi proprio con un invitato speciale… il direttore generale… Andrea ci teneva molto, sperava in quella benedetta promozione, avere finalmente una agenzia tutta sua e poi sarebbe stato un gran bel salto… Nina, lo aveva visto qualche volta alle riunioni annuali e quel signore di mezza età, che guardava tutti dall’alto in basso gli aveva fatto antipatia da subito e soprattutto sapeva che amava le apparenze e le raccomandazioni… il suo Andrea era bravo e preparato e aspettava da anni la giusta ricompensa. Si vestì con cura, un tubino nero Chanel, cucito dalla sua sartina, il filo di perle di fiume, i lunghi capelli raccolti, scarpetta bassa, lei era alta e poi voleva star comoda. Nel pomeriggio, era arrivato un mazzo di rose con il biglietto da visita del direttore, ma neanche una parola…”cafone” pensò… le aveva sistemate in un bel vaso in sala da pranzo. Alle venti in punto il direttore e la signora si presentarono. I soliti convenevoli, un aperitivo, due chiacchiere, vuote pensò Nina. La signora aveva l’aria piuttosto annoiata, indossava un abito firmato, ma santa donna forse non si era molto guardata allo specchio, e poi quel collier che brillava e mandava bagliori di qua e di là… quanto era pacchiana!
I piatti furono mangiati, ma nessun apprezzamento… cafoni tutti e due. Quando si passò al dessert gli occhi del grande capo si posarono su tredici rose col capo chino quanto mai sfiorite e tristi. “Evidente che non sono state ben sistemate, davvero un bel peccato delle rose della riviera finire così” Andrea non sapeva che dire…. sarà stato il riscaldamento… cercava di rabbonire il direttore. Nina con la bottiglia di porto in mano si fermò un attimo… poi si avvicinò alle rose ” Un peccato veramente, perchè sono state comprate senza amore, ed io le ho ricevute senza amore. Diciamola tutta questa serata è stata un vero tormento, onestamente signore le dico che non me ne frega niente se mio marito non avrà promozione, aumento di stipendio… Andrea sa il suo mestiere e in tanti lo cercano… gli basterà accettare una delle tante offerte, che ha rifiutato per restare fedele alla sua azienda… lei non vale un soldo bucato e per me la serata si è chiusa davvero bene.” Così direttore e signora si defilarono. Nina tirò un gran sospiro di sollievo, si era levato un peso dallo stomaco e Andrea dopo un primo momento di sbigottimento si fece una bella risata. Aveva fatto un sacrificio per suo marito ma onestamente non poteva far finta di non sentire non era nel suo carattere. Andrea ora dirige una agenzia importante e Nina riceve spesso un mazzo di rose. Il direttore ha capito, onestà per onestà lui sapeva di essere un poco carogna… ora lo è un po’ meno.

Ma.Vi

Incipit: Un sacrificio compiuto per esigenza di onestà è la più alta gioia dello spirito- Lev Tolstoj

Immagine blog.fashiondistrict.it

Questa voce è stata pubblicata in Mini racconto, post guidato. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Indovina chi viene a cena…

  1. Rosemary3 ha detto:

    Un mini racconto in perfetto tema…
    Ros

  2. jalesh ha detto:

    Si è tolta una bella soddisfazione Nina…mini racconto in tema

  3. orofiorentino ha detto:

    Quando ci vuole ci vuole. Bel racconto cara

  4. Freawaru ha detto:

    Sei molto brava a tenere inchiodati i lettori fino alla fine per vedere come va a finire, poi peccato che finiscano … io vorrei sapere di più. Mi piacciono molto i tuoi racconti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.