Andata e ritorno in …Un batter d’ali


Andata e ritorno in un batter d’ali

Le Farfalle Monarca


Con l’approssimarsi della primavera, come ogni anno sta per iniziare il viaggio di ritorno per milioni di farfalle monarca (Danaus plexippus) che, dopo aver trascorso l’inverno in Messico, torneranno a colorare Canada e Nord America.

La migrazione di questo splendido insetto è un evento unico in natura: al pari degli uccelli, infatti, tra ottobre e inizio novembre giganteschi stormi di monarca affrontano un viaggio lungo migliaia di chilometri verso sud, ovvero verso le zone montuose della California per le monarca che vivono negli Stati Uniti occidentali e verso il Messico per quelle che abitano a oriente delle Montagne Rocciose. Qui cadranno in una sorta di letargo, tecnicamente una semi-ibernazione, fino a febbraio inoltrato, per poi far ritorno al luogo di origine ripercorrendo la rotta a ritroso.

Anche se non è l’unica farfalla a compiere una migrazione, quella della monarca è la più lunga e incredibile mai osservata tra gli insetti anche perché compiuta dalla stessa generazione di farfalle, mentre negli altri casi si tratta di un biglietto di sola andata. Per questo motivo la sua migrazione annuale è tanto studiata dagli scienziati e in gran parte resta un vero mistero della natura.

UN VIAGGIO DI 3.000 KM

Da sempre quei 3000 km di traversata lasciano stupefatti etologi e biologi: come fanno i piccoli insetti a trovare la strada e a tornare a casa sani e salvi all’inizio della primavera? Si sa che le farfalle possono contare su una “bussola solare”, ma… di notte? E quando c’è brutto tempo, come fanno? Una ricerca recente, condotta da Steven Reppert (Università del Massachusetts, Usa), ha rivelato che il sistema di orientamento delle farfalle è più complesso di quel che si credeva: è basato infatti su due “bussole” chimiche, due proteine che lavorano in parallelo. La prima, chiamata CRY1, recepisce la luce solare, mentre la seconda (CRY2) mantiene in funzione un orologio biologico. È quest’ultimo a compensare l’assenza di luce permettendo alle farfalle di continuare il loro viaggio anche senza sole, senza mai perdersi per strada.

Notizie da…http://www.focus.it

foto di   FRANS LANTING

Informazioni su orofiorentino

HO 69 ANNI, AMO LA POESIA, LEGGERE, SCRIVERE, VIAGGIARE E TANTE...TANTE ALTRE COSE
Questa voce è stata pubblicata in curiosità. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Andata e ritorno in …Un batter d’ali

  1. jalesh ha detto:

    Una curiosità molto interessante…davvero splendide queste farfalle

  2. tinamannelli ha detto:

    Sono stupende, colori bellissimi, splendide ed eleganti….magnifico post…grazie

  3. Rosemary3 ha detto:

    Un’interessante curiosità davvero!
    Ros

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.