Domenica irreale


Nera in una nube vieni tu, domenica

d’aprile, accanto al retroscena del mattino.

Passano le tue parti parole d’ago, dei pini,

lento e tanto lento è l’andare del meriggio,

ma diverso è l’alone che sgorga dai tetti,
ricordo i capotasti amari del pianoforte,

dita nodose che premevano i suoi seni,

e io ero tra quei tasti, premuto o pestato

dal pensiero dell’assurda ricorrenza,

visite care su visi freddi ancora in vita.

Oggi però uno squarcio è nella nube,
piove a valanghe e debole uno strillo,

rapaci rintocchi di squille intonacano

lungo le strade la voce del mio lacrimare.

 

Informazioni su stefanobu

Non lo so che cosa vado a raccontare. So soltanto che ho qualcosa che mi andrebbe di esprimere, qualcosa che mi arde dentro e non mi abbandona mai. Questo qualcosa, forse, potrei chiamarla ispirazione di vivere, o soltanto inettitudine, o devianza attitudinale.
Questa voce è stata pubblicata in poesia. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Domenica irreale

  1. orofiorentino ha detto:

    I tuoi versi sono sempre intrisi di grande profonda tristezza ma anche bellissimi. Un caro abbraccio

  2. tinamannelli ha detto:

    Bella e sempre velata di tristezza e poi si adatta benissimo alla domenica trascorsa. Bravo Stefano

  3. jalesh ha detto:

    Un rimembrar triste …di morte…bellissimi i tuoi versi sempre molto bravo…un abbraccio

  4. raggioluminoso ha detto:

    Bello rileggerti Stefano, bravissimo!!!

  5. Rosemary3 ha detto:

    Stupendi versi anche se profondamente intinti di tanta sofferenza…
    Ros

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.