MALINCONIA


Chiedo scusa a Beppe per aver mutilato un suo scritto ma, dopo aver trascorso un magnifico pomeriggio con tutti i miei amici del “Laboratorio di scrittura”, volevo autocelebrarmi con un tuo scritto. Grazie di cuore (so che leggi “lanostracommedia”)…

MALINCONIA

Oggi per me è una giornata no. Mi affaccio alla finestra e vedo un cielo carico di nubi che lasciano presagire l’imminente arrivo della pioggia
Accendo la radio alla ricerca di una stazione radio che trasmetta qualche programma interessante che mi aiuti a risollevare il morale ma non trovo nulla di allegro. Finalmente sento le note di una canzone che mi è sempre piaciuta ma che certamente non è adatta al mio umore odierno. Le note della canzone “Com’è triste Venezia” e la voce di Charles Aznavour che si spandono nell’aria non sono certo un toccasana per risollevare lo spirito.
Spengo la radio e incurante del brutto tempo, mi vesto ed esco a fare una passeggiata, sperando di trovare un po’ di sollievo nell’animo
Nel frattempo inizia a cadere una pioggerellina leggera che, pian piano inizia ad inzupparmi gli abiti, contribuendo maggiormente a rendere più nero il mio umore. Faccio ancora un breve tratto di strada poi mi decido a rientrare.

Intanto la pioggia inizia a diventare più insistente ed essendo uscito senza ombrello, ora ne sto pagando le conseguenze. Arrivato a casa, consumo un pasto frugale e mi siedo in poltrona cercando distrattamente di leggere un giornale. Poi, come un lampo, mi attraversa nella mente il ricordo: ho un appuntamento a cui non devo assolutamente mancare e ora sono maledettamente in ritardo.

Mi rivesto e velocemente vado all’appuntamento.
Come arrivo, mi accoglie la sana allegria dei colleghi già arrivati, il loro esclamare: “eccolo” e il radioso sorriso della docente Maria mi apre il cuore. Varco la soglia del locale che ci ospita e magicamente la malinconia è passata, siamo nuovamente insieme a trascorrere due ore liete nella cacofonia di voci che improvvisamente si interrompono nell’ascoltare quello che i colleghi hanno scritto, poesia o racconto che sia, per riprendere subito dopo nel commentare il lavoro fatto.
Grazie Maria che ha inculcato nella nostra mente questa forza che ci fa vincere la ritrosia che all’inizio del corso c’era in noi, a cementare un gruppo coeso e a tutti coloro che frequentano con gioia questo bellissimo anno di studio e lavoro.

Giuseppe Vasco dicembre 2012

Questa voce è stata pubblicata in poesia. Contrassegna il permalink.

4 risposte a MALINCONIA

  1. tinamannelli ha detto:

    Bella pagina….brava Maria e complimenti all’autore

  2. jalesh ha detto:

    Uno stupendo riconoscimento ben scritto …magnifico

  3. orofiorentino ha detto:

    Bravissimo, capisco molto il suo stato d’animo. Bacini a te

  4. Rosemary3 ha detto:

    Una pagina davvero ben articolata, Maria… grazie per averla proposta anoi…
    Ros

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.