Latebre di gioia


Ha le arie e le fattezze di una nube
non muta, le grane che mi mordono per lei
dolce sogno suolo sordo, sono spiri
di nebbia, sono saluti lasciati a cantare,
liberi, nel bosco, o altrove,
intorno ad una burla di mare.
E’ freddo per le strade il fiato dei giorni
per i tuguri o le officine o sotto i pontili
o le travi incrostate, è fredda la mano
del sacro beato nostrano volere
qui, sovra quei colli, quei calli di case
dai tetti coperti o scoperti, freddi tanto
quanto un caldo in eccesso nel buio
delle grotte sotterranee.
E’ freddo nei campi e si gela di morte
tra i prati e le maree, le cave e i capanni
ma lei è già lì, e mi mira meraviglia
come un fiuto di lirica celeste,
ha le arie e le fattezze di una nube.
E’ una gioia darle un nome, a tale
nube fatua e vaga, è una gioia
tanto tale da farmi male al sol pensare
che è un gran nulla a starle intorno,
a darle forma, a farla andare.
Non da sforzi diversi o da spasmi naturali
ella è stata fabbricata, ma da me,
un sibilo in un milione di simili altri sibili
lontani e indifferenti per toni ed intonachi,
ella mi appartiene come il vento o la pioggia,
e mi oscura quale nube bassa e greve.
E’ una luce priva d’ossatura,
come tale è carenza di luce
nei palmi e nelle magre vene mie,
ma chi ha bisogno della luce
se di tale buio il canto è tanto lieve?

 

Informazioni su stefanobu

Non lo so che cosa vado a raccontare. So soltanto che ho qualcosa che mi andrebbe di esprimere, qualcosa che mi arde dentro e non mi abbandona mai. Questo qualcosa, forse, potrei chiamarla ispirazione di vivere, o soltanto inettitudine, o devianza attitudinale.
Questa voce è stata pubblicata in poesia. Contrassegna il permalink.

11 risposte a Latebre di gioia

  1. Rosemary3 ha detto:

    Splendidi versi, Stefano: meravigliosi “nascondigli” di gioia che rendono meno amara l’esistenza, giocando con “nube fatua e vaga”…
    Ros

  2. orofiorentino ha detto:

    Davvero molto intensa, sempre splendido

  3. jalesh ha detto:

    Grandi emozioni contrastanti con questa nube che prende forma da te e che si raffronta con la natura…bellissimi stupendi versi

  4. tinamannelli ha detto:

    Bella e davvero interessante questa nube che nasce da te…sempre particolari i tuoi versi

  5. jekyllundhyde ha detto:

    Molto particolare versi altamente ben articolati superlativo

  6. raggioluminoso ha detto:

    Un verso mi ha particolarmente colpita in questa bellissima poesia: “E’ freddo nei campi e si gela di morte” – molto bravo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.