Archivi del giorno: 12 ottobre 2012

Cercavo te nelle stelle


Cercavo te nelle stelle quando le interrogavo bambino. Ho chiesto te alle montagne, ma non mi diedero che poche volte solitudine e breve pace. Perché mancavi, nelle lunghe sere meditai la bestemmia insensata che il mondo era uno sbaglio di … Continua a leggere

Pubblicato in Dedica, poesia | 1 commento

Le Due Facce


Tu che incanti con il tuo argenteo divino sguardo sei la compagna di tutti in ogni notte. Dolce, pacifica Lontana. Accetti poesie, pensieri, tristezze Raccogli tutto in un silenzio eterno. A Te raccontiamo ogni verità e strane bugie pur di … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 5 commenti

Annunci


Immagine web Antiche armonie amate albe all’amore asportate accarezzando azalee,  assaporando aromi, arpeggiando arie, aderendo all’arte ascoltando annunci  attesi, aspirati. Giovanni Monopoli

Pubblicato in poesia | 4 commenti

Ombra


  (immagine dal web) # Ombre rigide soffiato dal silenzio vento d’autunno.

Pubblicato in Metrica Giapponese | 8 commenti

Le tre castagne


Nessuna scrittura sacra ne parla, su nessun libro di chiesa è scritto il miracolo delle tre castagne. Eppure i vecchi ne parlavano, i giovani ne hanno raccontato e tutto è diventato leggenda. Non mi ero mai accorta, per distrazione o … Continua a leggere

Pubblicato in racconto | 3 commenti

Un libro, la mia vita…


Pagine al vento di un libro mai chiuso sulla rovente rena del cuore. Il refolo le scompiglia e le appoggia con leggera carezza sul fondale dell’anima. Al crepuscolo d’un qualsiasi giorno, in una miriade di sottilissimi corpuscoli vaganti, si adagiano … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 5 commenti

PASSI NERI


PASSI NERI   Passi neri nella buia,scura e brutale Notte. Inutilmente il cuore cerca di sopravvivere. Battiti vuoti che fanno solo rumore.   Eco… rimbalza senza colore da muro a muro come schiaffo  malvagio.   Hai morso il cuore.  In questa … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | 5 commenti

Il seminatore


Avanzava pel campo direttamente, con una lentezza misurata. Gli copriva il capo una berretta di lana verde e nera con due ali che scendevano lungo gli orecchi, all’antica foggia frigia. Un saccolo  bianco gli pendeva dal collo per una striscia … Continua a leggere

Pubblicato in racconto | 3 commenti

Il dettaglio e l’infinito


(..)L’infanzia è il trionfo del dettaglio. E al tempo stesso dell’infinità. Raramente si è così attenti al dettaglio come lo si è durante i primi anni di vita, quando ogni particolare del contesto materiale con cui si interagisce assume l’importanza … Continua a leggere

Pubblicato in pensiero | 3 commenti

Mi ricorderò di questo autunno


Mi ricorderò di questo autunno splendido e fuggitivo dalla luce migrante, curva al vento sul dorso delle canne. La piena dei canali è salita alla cintura e mi ci sono immerso disseccato dalla siccità. Quando sarò con gli amici nelle … Continua a leggere

Pubblicato in Dedica, poesia | 4 commenti