FIUME DI RAME


Non sono ancora luce

ma voglio strappare il buio.

 

Barca alla deriva

senza ancora una corrente vera.

Scivola nella palude

come un senso inutile di essere. 

Accetto giorni senza sapore.

 

Stupida, inutile storia

incatenata  ad alghe  profonde:

Strappo l’illogica quiete con un urlo di pietra.

 

Afferro la vita 

Fiumi di rame galleggiano

per arrivare all’orizzonte non ancora tramontato.

  

@Orofiorentino

Informazioni su orofiorentino

HO 69 ANNI, AMO LA POESIA, LEGGERE, SCRIVERE, VIAGGIARE E TANTE...TANTE ALTRE COSE
Questa voce è stata pubblicata in poesia. Contrassegna il permalink.

3 risposte a FIUME DI RAME

  1. Rosemary3 ha detto:

    davvero un abile gioco di metafore per questi versi: la chiusa apre uno spiraglio di speranza…
    Ros

  2. tinamannelli ha detto:

    Bella e interessante…..nella vita ci sono spesso storie inutili che fanno male, l’importante che resti la speranza per un tempo migliore e i tuoi versi questa speranza c’è….bravissima Giò

  3. mondidascoprire ha detto:

    la vita come lotta…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.