PALAZZO DEI NORMANNI …PALERMO


STEMMA SU PALAZZO DEI NORMANNI porta est… PALERMO

 

La Muqarnas (in arabo مقرنص) è una soluzione decorativa propria dell’architetturamusulmana, originata dalla suddivisione della superficie delle nicchie angolari raccordanti il piano d’imposta circolare della cupola con il quadrato o il poligono di base, in numerose nicchie più piccole. Il muqarnas si diffuse rapidamente in tutto l’Islam a iniziare dal sec. XII secolo. Venne usato, oltre che nelle cupole, in volte di ogni tipo, in nicchie di portali, come elemento di raccordo tra parete e cornice, e fu realizzato in pietra, mattoni, stuccolegno,ceramica. Un esempio di decorazione a muqarnas è riscontrabile nel soffitto della navata principale della Cappella Palatina di Palermo, costruita da maestranze islamiche su commissione del re normanno Ruggero II.

Le immagini riprodotte nel soffitto a Muqarnas  sono circa 750; si tratta di dipinti su tavola indipendenti l’uno dall’altro, sia dal punto vista strutturale che iconografico.

Il motivo a muqarnas (alveoli) sui quattro lati del soffitto proviene dalla Persia del IV secolo, dove esisteva però in forma di stucco come motivo decorativo e solo in un secondo tempo passò alla carpenteria. Questa struttura autoreggente (solo successivamente è stata ulteriormente ancorata e consolidata) è costituita da tavole molto sottili di abies nebrodensis (abete dei Nebrodi oggi esistente in pochissimi esemplari nella Madonie, vicino Palermo).

Il repertorio iconografico di cui disponevano i pittori, salvo un piccolo numero di scene, è quello che troviamo in tante opere d’arte egiziane del periodo fatimita. Le scene sono indipendenti le une dalle altre – regola imposta anche dalla struttura spezzettata del soffitto – in contrasto con la contemporanea arte cristiana che ha sempre teso verso scene narrative, relegando l’elemento decorativo in un piano secondario. Si tratta in pratica di circa 750 dipinti su tavola indipendenti l’uno dall’altro, sia dal punto vista strutturale che iconografico. Non esiste infatti alcun ordine concettuale: sembrerebbe un’apoteosi reale e la rappresentazione del paradiso coranico, la cui descrizione è assai più sensuale di quella cristiana: giardini, palazzi maestosi, splendide feste, quantità illimitate di bevande deliziose, donne e musica, cioè tutti i piaceri e le delizie dei sensi e dello spirito che attendono i credenti (a discapito del valore spirituale della vita eterna insegnato dalla cristianità).

Stupefacente soffitto…un’incanto d’intarsi.

 

Perchè mi piace tanto? Perchè la mia famiglia è di origine NORMANNA

Vostra Orofiorentino

Informazioni su orofiorentino

HO 69 ANNI, AMO LA POESIA, LEGGERE, SCRIVERE, VIAGGIARE E TANTE...TANTE ALTRE COSE
Questa voce è stata pubblicata in curiosità. Contrassegna il permalink.

3 risposte a PALAZZO DEI NORMANNI …PALERMO

  1. tinamannelli ha detto:

    Bellissimo post cara, non solo perchè parla della mia Palermo ma perchè Palazzo dei Normanni è una splendida costruzione, la Cappella Palatina è qualcosa di straordinario, i mosaici sono stupendi, l’oro zecchino è in ogni dove. Si resta incantati e poi all’interno del Palazzo c’è un giardino con piante rare, molto bello peccato che non è stato fotografato e non si trova nessuna immagine su google.Palermo è un miscuglio di arabo, musulmano, normanno,franco e via così sono passati tutti e tutti ci hanno lasciato qualcosa di bello.Grazie Oro

  2. jalesh ha detto:

    Uno stupendo post su questo splendido palazzo dei Normanni a Palermo

  3. Rosemary3 ha detto:

    Bellissimo post, Gio’…
    Ros

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.