Origami


Mille ali in volo –

grappoli di bianche gru

per esaudire il cuore

***

Flavia

(immagine dal web)

Katauta dedicato al grande maestro di origami Akira Yoshizawa  (14 marzo 1911 – 14 marzo 2005), nel giorno di marzo in cui nacque e morì.

Ho scelto come soggetto la  figura della gru perché è uno degli origami tradizionali giapponesi più noti, spesso donati in segno di buon auspicio.  Narra un’antica leggenda giapponese che la gru possa vivere 1000 anni :   chiunque pieghi o riceva in dono mille gru vedrà i desideri del proprio cuore esauditi. Realizzare per sé o regalare i tradizionali “grappoli” di mille gru (oridzuru) è quindi considerata una pratica simile agli ex voto della cultura cattolica. L’ episodio più noto legato a questa tradizione è quello di Sadako Sasaki, una bambina esposta alle radiazioni della bomba atomica di Hiroshima.   In fin di vita a causa della leucemia, la bambina iniziò allora a piegare le mille gru, ma morì prima di riuscire a portare a compimento la propria opera.  Le venne eretta una statua nel Parco della Pace di Hiroshima, una ragazza in piedi con le mani aperte ed una gru che spicca il volo dalla punta delle sue dita.  Ogni anno questo monumento è adornato con migliaia di corone di mille gru. La storia di Sadako è diventata soggetto di molti libri e film ed ha portato la gru da simbolo di immortalità a simbolo di pace. In una versione della storia, Sadako scrive un haiku che tradotto in italiano suona cosí:

Scriverò pace sulle tue ali

intorno al mondo volerai

perché i bambini non muoiano più così

In un’altra versione, un suo compagno di classe piega il numero restante di modelli in modo che lei possa essere sepolta con 1000 gru: è questa la versione riportata nel romanzo  Il Gran Sole di Hiroshima, di Karl Bruckner.

Altre interessanti annotazioni al seguente sito: http://www.scuola-judo-tomita.com/varie/stemma/gru/gru.htm#gru

Informazioni su flaviafra

Non sono ma siamo, al plurale... Flavia e Francesca, una donna e una ragazza, mamma e figlia. Oltre ad essere legate da un immenso affetto, siamo accomunate dallo stesso amore per la lettura e la scrittura, e da qui nel 2010 è nato Filintrecciati. I primi post apparvero su Splinder e sono ora archiviati su http://filintrecciati.iobloggo.com/ Dalla fine del 2011 siamo qua su Wordpress e ospitiamo spesso anche un amico, Luigi, che ha scoperto proprio con noi la poesia giapponese e vi si è appassionato. Benvenuto a chiunque passi di qui. Buona lettura!
Questa voce è stata pubblicata in Dedica, Metrica Giapponese. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Origami

  1. Molto belli i versi e interessante ciò che hai riportato… Grazie!

  2. jalesh ha detto:

    Dolcissimo e tenerissimo post…interesante ed intenso. Stupendi i tuoi versi.

  3. orofiorentino ha detto:

    Dolcissima e commovente….mi ha veramente colpito

  4. Rosemary ha detto:

    Bellissimi origami in versi, Flavia… Pensa un po’ ne ho a casa uno anch’io, realizzato dalla docente di giapponese dell’università e donato a mia figlia: è proprio una gru…
    Ros

  5. jekyllundhyde ha detto:

    Dei versi superltivi sugli origami….molto interesante il post

  6. luciagriffo ha detto:

    Gli origami trasmettono pace a mio avviso; sanno trasmettere molto anche se fatti semplicemente con un foglio di carta, ma dietro c’è un lavoro e una tecnica non di poco conto…Con i tuoi versi ne hai sottolineato la bellezza!
    Lucia 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.