Inquiétude


La peur m’envahit le coeur bat la chamade
J’ai le cafard j’en ai marre de cette vie
Le temps s’écoule la vie s’enfuit sans cesse
La jeunesse meurt de temps perdu sans rêves

(Jalesh)

Inquietudine

La paura mi travolge il cuore batte all’impazzata
Sono triste non ne posso più di questa vita
Il tempo scorre la vita sfugge senza tregua
La gioventù muore per il tempo perso senza sogni

(Jalesh)

Pubblicato in in lingua straniera, poesia | 2 commenti

Sterile risveglio…


Le tue onde con voluttà
mi cingono
ed un soave canto
che di salmastro
avvolge
mi sussurrano…

Mi lascio andar
e al tuo amplesso
m’abbandono…

Fluttuano
gli ammalianti istanti e
mi inèbrio
dello sterile risveglio…

© Rosemary3

Immagine rielaborata

risvegliodiunadea.altervista.org

Pubblicato in Soffio d'amore | 10 commenti

DOLORE


DOLORE

Aggrovigliato a me
dolore, sambuco
agro, fiele
immondo e gramigna
nello spazio cuore-rami
spezzati a goccia, linfa
mai sazio di fragilità
crudele ad elemosinare
dalla mia pelle.

Vattene!…

Qui c’è la gioia
la speranza
l’amore unico
da portare, incastonato
gioiello prezioso
da ricamare sul cuore.

Chiara

blog.libero.it

Pubblicato in dolore, poesia | 4 commenti

Tratto da un brano di Katia Giardiello


E’ strano, prima ho scritto e poi ho
“preso consapevolezza” di ciò che ho scritto.
E a volte ho scritto il mio percorso ancora prima
di compierlo.
Non avere fretta e non avere Paura,
neanche delle lacrime del Dolore……………Katia Giardiello

oddone marina – immagine web

Pubblicato in poesia, poesia d'autore | 7 commenti

Preferenze settimanali dal 15 al 19 settembre 2014


Per il primo tema ispiratevi alla seguente frase:
Vivete, se volete credermi, non aspettate domani. Cogliete fin da oggi le rose della vita. Pierre de Ronsard

Poesia
Il momento di Oddonemarina  (Bellissimo il tuo pensiero…ma a volte i momenti passati non ti fanno godere dei momenti che debbono venire… ed il futuro diventa una grande incognita…stupendo post Marina. Immagine straordinaria)
Il cespuglio della vita di Orofiorentino  ( Trovo stupenda questa composizione grazie al paragone del cespuglio della vita e alle rose colte, ma pensa a quante ancora ne devi cogliere di rose…Bellissimi versi)

Metrica giapponese
Vivere ora di Mondidascoprire  (La bellezza della natura come il guardare il mare è uno di quegli spettacoli che non bisognerebbe perdersi, ci aiuterebbe a vivere meglio….complimenti)

Pensiero
Il tempo che abbiamo di Tina Mannelli  (Un’ottima esortazione a non sprecare il tempo perchè passa e corre inesorabilmente. Bravissima)

Racconto
vivere di Mara Massaro  (I nonni in genere gli anziani hanno sempre delle parole sagge…stupendo racconto in tema perfetto. Complimenti)

Per il secondo tema ispiratevi alle 5 parole proposte: dispetto, bene, rabbia, umore, amore
Aforisma

Aforisma (dispetto) di Jalesh ( Cito una motivazione di Rosemary3: Splendido aforisma in tema che conferisce all’impostazione delle parole asssegnate un originale significato… Grazie)

Acrostico
Umore….acrostico di Tina Mannelli  (Stupendo ed originale questo acrostico con eccellente inserimento delle 5 parole chiave con una buona interpretazione. Bravissima)
Acrostico Amore di Oddonemarina  (Splendido acrostico ben articolato tra interpretazione ed inserimento buono delle 5 parole proposte. Complimenti)
Amore (acrostico mesostico) di Rosemary3  (Splendido acrostico mesostico con ottimo inserimento delle 5 parole proposte ed bellissima interpretazione. Complimenti)

Poesia
Lacrime di poesia di Viola  (Un’insolita interpretazione con ottimo inserimento delle parole proposte….direi dei versi sofferti introspettivi che rasentano la pura verità….a volte sembra vivere in un altro pianeta dove berremo lacrime di poesia per l’eternità. Ho scelto questo brano per la sua originalità e schiettezza. complimenti)

Metrica Giapponese
Baishù di Rosemary3 (Splendida metrica con un ottimo inserimento delle 5 parole proposte ed ottimo interpretazione. Bravissima)

Pensiero
Una lettera nel cassetto di Chiara Marinoni  (Straordinaria lettera d’amore…ottima interpretazione ed eccellente inserimento delle 5 parole proposte…..complimenti)

Racconto
Lui era Lui di Rinaldo Ambrosia (Mi piace questo tuo scrivere…sempre molto originale….e per la verità queste parole guidate a volte ti aiutano a scrivere meravigliose mini storie, come questa. Complimenti)

Per il terzo tema ispiratevi alla seguente frase:
Davanti a noi stanno cose migliori di quelle che ci siamo lasciati alle spalle.
(Clive Staples Lewis)

Mini racconto
L’Abbazia di Rinaldo Ambrosia  (Brivido…brivido…lungo la schiena..la notte dei vampiri..non sai mai cosa ti aspetta il guardare avanti..sempre originalissimo è un piacere leggerti. Bravissimo
Passato e futuro di Oddonemarina  (Non ci sono molte parole da dire per l’argomento così delicato trattato per questo tema…Dovrebbero capitare più spesso questi incontri…splendido racconto in tema perfetto. Complimenti)

Slide e motivazioni a cura di Jalesh

Fotografia: Fine dell’estate

Fine dell’estate di FlaviaFra
deserta di Tiferett
La fine dell’estate… Marzamemi di Annettemonet
Salento di Mondidascoprire
Solitudine settembrina di Jalesh
Barche a riposo di Tina Mannelli
L’estate quasi un ricordo di Rosemary3
Quando finisce l’estate la mia solitudine di Kalosf
Spiaggia settembrina: neanche piu’ il bagnino! di 65Luna
Il volo di una farfalla di Edoardovigoni
L’labero dell’autunno di CrazyAlice
Una fine non è altro che un nuovo inizio di Im1dreamer
Fine dell’estate di Lia

Miglior brano della settimana
Il sax nel cuore di Rinaldo Ambrosia
Sedoka Dust in the wind di Eufemia Griffo
Emarginati di Giovanni Monopoli
Disamore di Daniele Cerva
Gelo di NeroWolf74
Incanto di Rosemary3

Pubblicato in Preferenze del tema settimanale | 16 commenti

e stringe forte


e stringe forte
il calore d’estate
per dirle un addio
come in un lungo bacio
il bel giovane autunno

mondidascoprire

Festa di fine estate

Scatti d’immenso, festa di fine estate

Pubblicato in poesia | 6 commenti

Jane


Lai dell’Ombra di Giada (Parte 6)

Il poeta annuì. Avrebbe volentieri continuato a parlare, ma la mente lo ispirava ad esalare soltanto dei sospiri, così rimase silente, a capo chino, fissando mestamente il patetico profilo di un ramoscello che era appena caduto dalla fronda della quercia che li sovrastava.

Si salutarono dopo pochi minuti, promettendosi l’un l’altra che il mattino dopo si sarebbero rivisti alla stessa ora, presso la medesima baia.

Il mattino seguente


Il poeta non aveva dormito. Il Sole nel suo cuore era mosso da una tale energia da irraggiare l’operato di tutti gli altri organi, preposti al suo comando. Si era messo in cammino di corsa, infiammato, quasi un fulmine l’avesse spronato, colpendolo alle spalle, a partecipare ad una gara di atletica leggera. “Oh quant’è dolce quella melodia.. Oh com’è bella.. Quanto m’è gradiiiita..” si sentì suggerire all’udito, mentre i suoi passi accaldati cadenzavano tremanti il dolce spartito di Musica Proibita, una delle composizioni dinanzi alla quale non poteva fare a meno di commuoversi. Allo stesso modo, non appena ebbe avuto il sentore che la dolce Lady Jane era ai piedi della quercia, il cuore gli si riempì di un tale ardire che il suo sguardo venne invaso dalla pioggia, che egli riversò al suolo. Poi, come a dar favore a chi crede nei miracoli, nei punti dove il pianto era caduto sorsero immediatamente una decina di fiori dai colori tanto accesi e scintillanti da far sembrare che fossero cresciuti assorbendo il colore di tutte le altre specie esistenti. Il poeta sorrise, persuaso che un siffatto intrigo fosse stato architettato da Colei che tutto muove. Colse un fiore da terra, assicurandosi che mostrasse caratteristiche tali da poterlo considerare adeguato ai gusti della dolce fanciulla. Ella era lì, beatamente raccolta all’ombra della quercia, intenta a leggere il libro di liriche provenzali che da più di due giorni aveva lasciato interrotto. “Dove sono gli impressionisti quando occorrono?” pensò il poeta all’improvviso. “Se uno di loro fosse qui con me in questo momento, e potesse vedere coi miei occhi ciò che io, lasso, non posso fare a meno di mirare, non esiterebbe a porre mano alla sua attrezzatura e prosciugare le sue forze per ritrarre quella bellezza. Ah.. quale meraviglia..” E sorretto da tale pensiero il poeta si diresse verso la fanciulla. Quando quest’ultima volse la testa per porgergli il saluto, il cuore del poeta sussultò. Si era forse dimenticato di quanto fosse splendido il viso di lei?  Come colui che in un sogno vede qualcosa e una volta sveglio non riesce a ricordare nient’altro che l’emozione che durante il sogno lo aveva avvinto a sé, così si sentiva Teodoro, addolcito dagli effetti che la dolce fanciulla aveva dato al suo sguardo, il cui viso, però, faticava a ricordare. Per poco non rischiò di inciampare di nuovo. – E’ un onore potervi rincontrare, Lady Jane.-
Un paio di occhi celesti ramati verdastri rispose al suo saluto, scavati in un sorriso che lasciava trapelare in migliaia di precise sfumature quel tipo di dolcezza per il quale abitualmente ci si inchina. Non appena Teodoro si sedette sulla stessa panca di legno del mattino precedente, accanto a lei, la fanciulla gli chiese cordialmente se avesse trascorso una piacevole nottata.

 

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , | 3 commenti

Semplicemente Grazie


grazie (2)

Grazie di cuore a tutti per l’affetto e la solidarietà .

 

Vi abbraccio augurandovi un felice weekend.

 

Franca

 

Pubblicato in Amicizia | 14 commenti

Con affetto


 

A tutti gli amici de “lanostracommedia” un abbraccio e tanta serenità

Ma.Vi

Immagine illottodisean69.forumfree.it

Pubblicato in Dedica | 8 commenti

Foglie d’autunno


Mani aperte verso il cielo
come a chiedere ancora tempo
Ma il vento non ascolta
la silenziosa preghiera
Beffardo scuote i rami
e nell’aria un fruscio leggero
Volteggiano nell’aria
ora su ora giù
Il vento si diverte e ride
ingiallite dal tempo
si chiudono a pugno
come a difendersi
Sanno che il tempo è giunto
leggere ricopriranno i viali
scricchioleranno al mio passo
e piano, piano ridaranno vita.
Ma.Vi

Immagine faidatemania.pianetadonna.it

Pubblicato in poesia | 7 commenti

Mai domo


E se davvero dicessi
quello che sento
e che penso davvero
ancora mi ameresti?
Sono da sempre
un ribelle
uno che non si arrende
uno che detesta
l’ovvietà
la semplice routine
e che da sempre
sconta la sua scelta
Chi può dire altrettanto?
Vi sfido a farvi avanti
Sto mangiando
briciole e poco altro
Ma non mi arrendo
La mia battaglia
alfine vincerà
La dignità e l’amore per la vita
perdoneranno i miei errori
e mi porteranno con loro
verso un futuro migliore

© 2014 Daniele Cerva

Pubblicato in poesia | 12 commenti

Solitudini ritrovate


Soffuso chiarore, istante etero.
Giochi di luce nei tuoi occhi,
parole profonde che arrivano
al cuore.
Solitudini ritrovate,
magie aiutate, da tristi giornate
autunnali.
Lacrimosi giorni che inducono
a sognare ed amare.

oddonemarina

immagine – dipinto di Carlo Cordua

Pubblicato in poesia | 12 commenti

Vivere


Immagine web

Vivere

Lascia entrare il bene nel tuo cuore

e vedrai che la rabbia non troverà alloggio

 

Il tuo umore se ne gioverà

carezzando della vita il suo grande amore

 

Lascia la porta aperta alla gioia

e la tua esistenza si arricchirà solo di felicità

 

Porta con te sempre questo dono

nel dispetto che farai a chi male ti vuole…

 

… e scorgerai quanto bello sia : Vivere!

 

Giovanni Monopoli

Pubblicato in pensiero, post guidato | 5 commenti

Quello che penso…


“Davanti a noi stanno cose migliori di quelle che ci siamo lasciate alle spalle” dice Clive Staples Lewis, scrittore e filosofo irlandese. Non c’è dubbio che il passato è passato e si debba pensare all’oggi, più che al futuro. Ma oggi traggo benefici oppure no proprio da quel passato. Oggi mentre sciorineranno le ore accadrà qualcosa che potrà essere migliore o peggiore di ciò che è accaduto prima. Non rimpiango nulla della mia vita passata,
il bello mi ha reso felice il brutto mi ha comunque lasciato qualcosa. Allora penso che bisogna guardare alle cose che accadranno oggi ma non dimenticando l’ieri perchè fa parte di noi, del nostro vissuto. Mi rimproveri quasi, mi dici che i ricordi vanno chiusi in un cassetto e dimenticati, e solo così che tu ti senti giovane. Amica mia, forse avrai pure ragione, ma preferisco sentirmi vecchia ma sapere che esisto. Ridi e mi prendi in giro
dici che sono matta…forse ma visto che siamo in democrazia dico quel che penso.

Ma.Vi

Immagine blog.libero.it

Pubblicato in Mini racconto, post guidato | 6 commenti

Memoria e tempo


Il_tempo_che_passa

Selvaggia la memoria

del mio tempo

celebra verità e giustizia 

a dispetto delle falsità

Raggiunge

ed afferra ogni cosa

dandole vita, nome

sforzandosi di dosare

amore e rabbia

Frantuma delusioni

intemperanze

s’arricchisce 

di conoscenza

e di bene

Misterioso invece

l’umore del mio tempo

Vive il presente

tra rovi e rose

ricorda un passato

di inverni e primavere

guarda avanti

verso il futuro

cercando

orizzonti segreti

e mai svelati

Lia Grassi

Pubblicato in poesia, post guidato | 9 commenti

Fine dell’estate


016

Il mare è stupendo in ogni periodo dell’anno !!!

Pubblicato in fotografia, post guidato | 9 commenti

a dispetto di tutti


amore vero
umore portò a stelle
spense la rabbia
a dispetto di tutti
generò tanto bene

mondidascoprire

Pubblicato in Metrica Giapponese, post guidato | 6 commenti

Incanto…


Un amore tra morbidi petali
che di olezzo inèbriante
par danzi
tra nebbia di ricordi…

Sulla soglia del vespro
l’intessuta tela
d’apatìa inonda:
assaporo l’incanto
dell’insonnolito sole che
un ineffàbile colore assume…

© Rosemary3

Immagine in rete rielaborata

Pubblicato in poesia | 16 commenti

Bene….acrostico


B ene si trasforma in amore
E a dispetto del tuo pensare
N on si comanda al cuore
E la tua rabbia non cambia il mio umore
Ma.Vi

Immagine http://www.gattidelfreddo.it

Pubblicato in acrostico, post guidato | 5 commenti

Emarginati


Immagine web

il-mendicante-

Per le terre scivola l’inerme corpo

stanco, flaccido, privo d’ogni affetto

stinto, sgualcito regna lo sguardo,

la polvere ne è padrona in petto

rivolto al nefasto andar contorto.

 

Silenziosi lamenti corrono raminghi

su tracce d’essenza osservati in specchio

gli occhi son spenti votati a triste declino

mentre di quell’esistenza ne resta spicchio.

 

Giace ignudo sui viali della speranza,

linee di vita s’apprestano nell’andare

risuonano smorzate frasi… il mangiare

col volgere al cielo malinconici gesti

dell’essere soli nella lagnanza…

emarginati con gli invecchiati resti.

 

Dona sorriso, umile gesto,

accalora con tenerezza quel capo chino

al tramonto è rivolto cauto respiro

di quel domani, frutto dell’essere incerto.

 

 Giovanni Monopoli

Pubblicato in poesia | 9 commenti

Rabbia


RABBIA

Tu, amore, che mi hai lasciato

hai acceso la collera

in questa mia vita.

Ora tutto è rabbia

come un bicchiere rotto

tagliente e rovinoso.

Mi aggrappo a lei

per sopravvivere, senza un perché

e neanche un come

mi perdo così in budelli di bugie

per esserci oggi

per non morire domani.

 

@ Orofiorentino

Pubblicato in poesia | 8 commenti

Gli alberi si spogliano


Viale Della Libertà a Palermo, alcuni alberi hanno già perso le foglie, anche se ancora l’aria è calda, l’autunno si è già annunciato.

Ma.Vi

Foto personale

Pubblicato in fotografia, post guidato | 11 commenti

Jane


Lai dell’Ombra di Giada parte 5

- Apprezzo molto Arnaut Daniel e Bernart de Ventadorn, per cominciare… E, tra i più alti nel suo campo… Il magnifico Jaufrè Rudel.. Il cantore dell’amore di lontano.-
– Piace moltissimo anche a me.- rispose la fanciulla con fervore. – Un abilissimo arrangiatore di versi. Superiore, a parer mio, a tanti nostri alati connazionali suoi contemporanei. Tanto nello stile quanto nei contenuti.-
– Ah… Sì…- convenne il poeta, e il suo tono di voce si fece di colpo fioco come un cerino – Potreste togliermi una curiosità? Perdonate la mia audacia. Parlando di contenuti.. Qual è la vostra idea sul concetto che egli ha reso tanto famoso, questo amore di lontano che già per sua dottrina ispira vaghezza e suggestione tutt’a un tratto?-
E intanto pensava ” Gentile fanciulla… Anche solo l’appellarvi in qualche modo mi sconfigge, configgendo ciò che ardo di dire di voi in quel torbido e melmoso ammasso di stenti dove tanto facilmente traggono i versi i mercanti di romanzi d’amore, avete inteso? Quelle opere che vendono tanto e non sfamano nessuno? Più vi guardo e più dallo sguardo che ricevo da voi  traspare un comprensorio di soavi bagliori, di lucori fiammanti, di distinte possibilità… “
– Sono convinta che questi accadimenti siano più comuni di quanto ci si ostini a non voler credere.-
– E se voi veniste mai resa oggetto di un simile amore?-
– Accoglierei con gratitudine le lodi e i complimenti di un’anima tanto benevola e gentile.-
– A tal punto da innamorarvene?-
– Non so se mi arrischierei a raggiungere una simile sponda. Checché ne dicano i filosofi di quella materia, secondo i quali a un cuore gentile debba di norma ritornare, forse moltiplicato, quel tipo di amore cui egli mena vanto di provare e che lo porta a percepire in eguale misura gioia e dolore. Per quanto possa essere nobile e suggestiva l’idea, resto comunque convinta che a dare un supporto tenace e fecondo, forte, fisso, senza fischi né crepe né rotture impreviste, sia nient’altro che una questione di condivisione di affetti e di progressiva ricerca. Per quanto sia possibile se non addirittura richiesto, a una persona, di cadere sotto il giogo della passione d’amore.-
– Dite dunque voi che non si può amare una persona se prima non la si ha conosciuta?-
– In parte, messere, ma vi prego… Non pensiate che in quello che ho appena detto sia racchiusa una verità data una volta per tutte. La questione è così complessa e ramificata… Un uomo di lettere come voi saprà senz’altro di che cosa sto parlando.-

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | 9 commenti

Una fine non è altro che un nuovo inizio


Per me la fine dell’estate è sempre stato quel momento in cui al mattino sopra al pigiama con le bretelline, indossi qualcosa di più pesante. E quel tessuto che ti si posa sulla pelle diventa come un abbraccio. A quel punto capisci che non è finito proprio niente, è solo cominciato qualcos’altro, magari più bello, si perché stringersi in autunno è tutta un’altra storia.

Imma Gaglione

IMG_2340.JPG

Pubblicato in fotografia | Contrassegnato | 12 commenti

Si può fare!


Ieri ho festeggiato il mio quarantanovesimo anniversario di matrimonio. Tanti auguri ma anche tanti “Ma come avete fatto?”. Semplice, ho risposto, abbiamo cercato di tenere la rabbia lontana da noi. Abbiamo cercato sempre di chiarire subito e se c’era un litigio non si è mai arrivati a sera senza un bacio, l’umore tornava sereno. Se qualche dispetto c’è stato, abbiamo dimenticato. Siamo riusciti fin’ora a tenere saldo l’amore che ci unì giovanissimi e abbiamo sempre agito per il bene dei figli e della famiglia tutta. Non è stato facile, a vicenda abbiamo sacrificato qualcosa, ma lo stare insieme, l’amarsi era più importante di ogni altra cosa. Si può fare!

Ma.Vi

Immagine luna80.ilcannocchiale.it

Pubblicato in pensiero, post guidato | 6 commenti